B. D. nr. 0764

(29.01.1939)

 

Il vero senso della santa Cena

 

La premessa della tua vita deve essere: “Voglio sforzarmi di servire in tutte le cose, sempre, …il Signore!”, e la Sua benedizione ti accompagnerà su tutte le tue vie. Apprendete ciò che il Signore ti ha assegnato: il santissimo Sacramento dell’altare è un’istituzione di Dio, ma il senso deve anche essere compreso saggiamente.

Ora ti circonda un muro di protezione di amici spirituali, i quali tengono lontano da te tutto ciò che è falso ed errato, visto che si tratta di dare personalmente chiarezza agli uomini su di una questione che molto spesso fu di controversia. Nel frattempo si è insinuato nel pensiero degli uomini un’opinione del tutto falsa, che nuovamente ha dato motivo per conflitti e pareri distinti. Senza aver precedentemente chiesto per l’assenso del divin Signore e Salvatore, è stata rilasciato un decreto che è in contrasto con l’insegnamento divino.

La rappresentazione vivente della santa sacra Cena, è sempre, …l’accoglienza della Parola di Dio con il cuore. «…chi mangia la Mia carne…», significa: chi accoglie la Mia parola in sé con cuore affamato; «…e beve il Mio sangue…», cioè: ”Chi accoglie la verità con la Mia parola, e vive totalmente nella verità secondo la Mia parola, …prende Me!”. In questo senso sono da intendere le Mie parole «…questa è la Mia carne! - …questo è il Mio sangue!».

Così come l’uomo necessita del pane per il benessere fisico, così è necessaria la pura Parola di Dio per la conservazione della vita eterna. E come il vino dà forza ai deboli, così la verità di Dio deve fortificare l’anima, se questa l’accoglie in sé. E quando si parla di una trasformazione del pane e del vino, nella Mia carne e nel Mio sangue, allora è da intendere questo nel modo giusto: che, allo stesso modo, la Mia Parola porta Me stesso vicino all’uomo, se la mangia e la beve, cioè, …se costui l’adempie! E dopo, l’uomo che accoglie in sé la Mia parola, accoglie Me stesso, poiché la Mia parola insegna l’amore, …e Io stesso sono l’Amore! Chi Mi ama, accoglie totalmente Me nel suo cuore, e di conseguenza, …alla Mia tavola viene saziato con il Mio pane e il Mio vino, …con la Parola della verità e della vita.

 Il senso è stato certamente inteso correttamente, tuttavia qualcuno volle rendere più marcata l’impressione cerimoniale delle Mie parole, e dunque si dette la massima importanza alla cerimonia, così che, chi non l’adempiva, veniva dichiarato privo di ogni benedizione. E così rimase conservato in primo luogo l’esteriore, ma il senso profondo è andato perduto, l’eucaristia diventò sempre di più una formalità, e la Parola, la Verità divina, non trovò più l’accesso nel cuore; invece venne mantenuta la formalità fino al giorno d’oggi, e l’uomo crede di aver adempito pienamente il suo dovere, …quando crede di andare all’altare del Signore.

Ma Io, come posso prendere dimora in un uomo che dapprima non si è trasformato nell’amore, che non segue la Mia Parola e non osserva i Miei Comandamenti? Chi in seguito aspira di accogliere Me corporalmente e spiritualmente e portarMi nel cuore, …deve mangiare il Mio pane e bere il Mio vino, deve desiderare il Pane della vita come cibo che viene dal Cielo, e deve bere il Vino, la Verità viva, che affluisce a colui che ne ha sete. Allora, non appena mangia la Mia carne e beve il Mio sangue, vivrà nell’eternità, poiché allora, …egli è in Me ed Io in lui.

Solo così e non diversamente è da comprendere la Cena che Io ho predisposto con quelle Parole, che voi uomini l’avete però interpretato secondo il vostro proprio benestare, e non avete riconosciuto il profondo senso delle Mie parole.

Più cercate zelanti, di adempiere più solo la forma e accogliete solo nel puro esteriore il Mio pane e il Mio vino, meno sarò Io stesso presente, e così poi non riceverete Me stesso, bensì sarete vicino a Me solo nell’immaginazione; poiché Io sono solo là, dove si manifesta il più profondo amore per Me attraverso l’adempimento dei Miei Comandamenti e, …il vivere secondo la Mia parola. Infatti, mangia la Mia Carne e beve il Mio Sangue, …solo colui che adempie la Mia volontà e Mi serve! Solo colui che Mi professa davanti a tutto il mondo sarà veramente Mio discepolo, con il quale Io voglio consumare la Cena e vorrò saziare, …a cui Io voglio dare il suo pezzo; ed egli sarà nutrito da Me e riceverà il Pane del Cielo, …per tutta l’eternità!    Amen!

 

*  *  *  *  *

 

Pagina precedente