B. D. nr. 1095

(16. 09. 1939)

 

La decadenza spirituale e l’infuriare degli elementi può indirizzare alla fede

A seguito dell’avvenimento, il terreno colpito diventerà fertile

 

L’immagine della decadenza spirituale sarà visibile in pienissima chiarezza, quando albeggerà il giorno nel quale verrà il grande disastro sulla Terra. In un periodo di afflizioni, …l’uomo si rifugiava in Dio, ma in questa calamità, solo una minima frazione dell’umanità penserà a Colui che può unicamente portare la salvezza, e il basso stato spirituale sarà così chiaramente riconoscibile nella disperazione degli uomini, che non vedranno più nessuna via di salvezza. E proprio per questo è così necessario che quest’afflizione venga sugli uomini, la quale può sempre trasformare ancora un poco il pensare di costoro, perché la miseria sarà smisuratamente grande, e l’aiuto terreno del tutto impossibile! Chi vivrà nella fede, il disastro non lo spaventerà come lo sarà alla massa dei miscredenti, dato che lui, per questo, si darà sempre volontariamente al suo stesso Dio e Padre.

Di questi, però, ce ne sono solo pochi, e questi pochi non saranno in grado di penetrare e smuovere i cuori degli uomini alla profonda, intima preghiera. L’ostinazione sarà così grande e l’arroganza ancora maggiore, ed entrambi sono degli ostacoli tanto insormontabili per un’umile sottomissione e richiesta di Grazia. Più furiosi imperverseranno gli elementi, più duro e ostinato sarà lo spirito di coloro che vi si ritroveranno in mezzo, e tuttavia, il Signore si ricorderà dei pochi che pensano a Lui. Egli ricompensa la loro fede, così che essi Gli cantino lode e ringraziamento, poiché il Signore non abbandona i Suoi, e li condurrà nell’eternità, nella pace e nella vera vita, quando dovranno lasciare la loro vita terrena;

Professatevi per il Padre, e raccomandatevi alla Sua Grazia, e dovete lasciare la vita così, senza rimpianti, …credenti! Ricordate che Colui che dà la Vita, …la può anche prendere, e ugualmente, Colui che la toglie, la può anche restituire, ma molto più bella e felice di come possa essere la più bella vita terrena. E perciò, …non dubitate nell’Amore, Misericordia e Giustizia di Dio. Molti innocenti devono certamente soffrire con i colpevoli, ma questa sofferenza sarà loro ricompensata migliaia di volte, dato che dev’essere sopportata per via dei molti non redenti.

E diversamente, la saggia Divinità ha anche creato un risarcimento, facendo diventare il terreno colpito – attraverso il Suo permesso – straordinariamente fertile, appunto, …proprio attraverso quell’avvenimento. E allora gli uomini che la Bontà di Dio ha fatto sopravvivere a quell’avvenimento, consacreranno quindi nella più profonda fede la loro vita al Signore, e quindi vivranno veramente per e nel Signore, e lotteranno anche per il Suo Nome. E così inizierà il tempo della svolta spirituale, e saranno uniti tutti attraverso l’amore, e ognuno opererà per l’altro nell’amore, e riconosceranno l’Amore, l’Onnipotenza e la Sapienza di Dio, e i loro pensieri e azioni saranno giusti davanti a Dio, e il Signore farà riposare compiacente il Suo occhio su coloro che Lo hanno trovato nella sofferenza, e ora, …Lo serviranno con tutto l’ardore.    Amen!

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente