B. D. nr. 1412

(10. 05. 1940)

 

L’avvenimento del mondo, sia causa e mezzo per sospendere la miseria spirituale

 

Conoscendo la condizione di miseria di un’umanità sprofondata spiritualmente, vi sarà anche comprensibile l’avvenimento mondiale1, tanto come causa, quanto anche come mezzo per rimuovere questa condizione di miseria. E’ da registrare un basso stato spirituale straordinario, nella misura in cui da parte degli uomini non viene adottato nessun tentativo per prepararsi a una vita spirituale dopo il decesso terreno, ed è impossibile prevedere le conseguenze di questa indifferenza. L’uomo è irresponsabile, se non si sforza per la salvezza della sua anima, poiché la sua negligenza ha per conseguenza che le sue facoltà spirituali rimangono non sviluppate, e così l’uomo vive alla giornata senza poter registrare il minimo progresso spirituale, e non ha vissuto la sua vita in modo appropriato.

Al contrario, all’essere umano che tende allo spirituale, è offerto un indennizzo naturale. Egli vive la sua vita coscientemente, e quindi non sarà nemmeno senza gioia; solamente, che queste gioie saranno diverse rispetto a quelle dell’uomo tendente al materiale. Egli, trovando edificazione e conforto nella Parola divina, solo ora troverà il giusto sostentamento di vita, e non gli mancherà nulla di esteriore, …perché non vi aspira. Egli possedendo la soddisfazione interiore, la miseria terrena non lo spaventa, poiché desidera altro che il bene terreno. Quindi, anche l’avvenimento mondiale non lo toccherà nella misura in cui importuni la sua pace interiore; piuttosto, quest’avvenimento mondiale contribuirà a consolidare la sua fede. Dove però non esiste un simile atteggiamento, là l’avvenimento mondiale è motivo della completa decadenza spirituale.

Giammai l’uomo riconoscerà lo spirituale! Egli certamente si metterà ben in collegamento con dei sapienti, tuttavia solo per il proprio interesse. sperando solo di acquisire delle conoscenze da valutare in modo materiale, ma senza considerare assolutamente mai la sua anima. Egli crede di poter penetrare in un campo senza preventiva conoscenza e atteggiamento spirituale, in un campo che però, abbia per premessa, il lavoro su se stesso e l’attività d’amore, e questa opinione gli è errata. Infatti, ciò che ora raccoglierà in esperienze, non lo farà mai arrivare alla meta! Non potrà utilizzare questo bene, mancandogli la chiave che gli dischiuda questo campo; egli riceverà qualcosa che non gli sarà comprensibile, e così poi ne sarà completamente indifferente.

Egli comunque, non potrà ora utilizzare ciò che ha ricevuto, perché il bene spirituale è comprensibile solamente quando è ambito dal cuore, ossia che l’uomo stesso diventi degno dell’accoglimento. Ora sulla Terra la miseria deve risvegliare nell’uomo quella spinta, …che lo faccia tendere solo allo spirituale. La miseria deve formare gli uomini in modo che in loro si risvegli l’interesse spirituale, e smuova il desiderio di formarsi nella conoscenza spirituale, …per amor della verità. Allora anche questa miseria sarà una benedizione per gli uomini, e il basso stato spirituale sarà tolto, poiché Dio mira solamente a questo scopo: che l’uomo riconosca il suo compito terreno, …e lo compia.    Amen!

 

______________

1 l’avvenimento mondiale’ : trattasi dell’avvenimento catastrofico iniziale che coinvolgerà tutti i Paesi della Terra, sia direttamente che indirettamente, tramite la caduta di un grosso asteroide, e avvierà tempo della fine [vedi il fascicolo n. 109 – “L’avvenimento”],.

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente