B. D. nr. 1857

(22. 03. 1941)

 

L’obiezione degli uomini che la Parola di Dio sia conclusa, è errata

 

E’ una supposizione assai errata, considerare conclusa la Parola scritta di Dio, e respingere tutte le Rivelazioni divine come opera laboriosa di forze cattive! Ci sono forze buone e forze cattive, che cercano di far valere la loro influenza sugli uomini! Tutte le forze buone eseguono la Volontà divina, mentre le forze cattive lavorano contro la Volontà divina.

Delle inconsapevoli forze non vorranno e non potranno mai trasmettere pensieri buoni, poiché nel loro stato d’oscurità stanno ancora sotto il potere dell’avversario di Dio, e quindi sono più accessibili alla sua influenza che a quella degli esseri di luce. Nondimeno, non appena essi avendo riconosciuto l’avversario, si affidano agli esseri di luce e si subordinano alla Volontà divina, ravvisano il loro pensare carente e, in seguito, daranno solo ciò che hanno ricevuto tramite gli esseri di luce. Questo deve essere reso subito chiaro, per confutare la supposizione errata che delle forze arbitrarie dell’aldilà si manifestino là dove tali rivelazioni sono donate all’umanità.

Il Signore ha insegnato sulla Terra e ha portato la Sua Parola vicino agli uomini! Fu Sua volontà, che questa Parola fosse scritta per rimanere conservata per i posteri. Tramite essa, Egli ha annunciato agli uomini l’operare del Suo Spirito e ha dato contemporaneamente l’assicurazione di rimanere con loro nella Parola per tutta l’eternità: «Vi manderò il Consolatore, …lo Spirito della Verità». Non esiste però nessuna espressione del Signore, …da cui dedurre che la Sua parola debba essere considerata come conclusa! Essa doveva continuare a esistere invariata e, quindi, al Vangelo che il Signore ha portato agli uomini non doveva essere aggiunta né tolta nessuna parola che potesse cambiare il senso delle Parole divine, …invece la sapienza umana ha cercato di cambiare e migliorare! Nella volontà di rendere comprensibile la Parola di Dio all’umanità, …il suo senso è stato sovente deturpato, oppure velato, e ciò ha portato al fatto, che perfino l’operare dello Spirito annunciato da Lui, non è più giustamente compreso, e dunque, nemmeno riconosciuto!

L’umanità ha perduto completamente la conoscenza di come Dio abbia sempre parlato agli uomini, e continuamente Egli  parlerebbe, e parla, perché l’ascolto della Sua parola in questo collegamento diretto è appunto ciò cui essi devono ambire sulla Terra! Gli uomini, invece, si spaventano dalla manifestazione della Volontà divina in questa forma. Dio si avvicina loro con la Sua parola, ma loro non Lo riconoscono più! La Parola di Dio non è più viva in loro, che ne leggono la parola morta, ma non ne afferrano il senso spirituale! E’ subentrata una magra siccità, la fonte si sta esaurendo!

E Dio fa irrompere nuovamente un Raggio di Acqua viva dalla roccia in mezzo al deserto! Lui fa scorrere delle Correnti di Acqua viva dai fianchi di coloro che aprono desiderosi il cuore e l’orecchio, al delizioso sorso ristoratore, accogliendo la Sua divina Parola! Con ciò, …si adempie la Sacra Scrittura! [Esodo 17,6]1 Le parole del Signore e del Suo cammino terreno verrebbero a mancare, se Dio non si rivelasse e non fosse con gli uomini nella Parola.

L’uomo non ha nessuna autorizzazione a considerare il Suo agire come concluso! Se lo fa, dimostra solamente la sua ignoranza e non comprensione della Parola scritta, rendendo non valide le innumerevoli indicazioni sull’agire dello Spirito divino, quindi non afferrando lui stesso la Parola divina nel suo senso. Di conseguenza farà parte di coloro che errano essi stessi, e che vogliono dare agli uomini l’errore, non riconoscendo la pura Verità e tenendone lontano il prossimo!

L’Amore di Dio è illimitato, …non si esaurisce mai! Quest’Amore si manifesterà sempre ed eternamente, quindi vorrà darsi, e potrà sempre essere ricevuto da chi sta nell’amore egli stesso e desidera l’Amore divino. Dio è l’Amore! Dio, …è la Parola! Chi desidera la Parola di Dio e l’accoglie, …riceve la Sua parola e la potrà ricevere per tutta l’eternità!    Amen!

 

______________

1[Esodo 17,6]: «….Ecco, Io sto davanti a te sulla roccia, sull’Oreb: colpirai la roccia e ne uscirà acqua. Il popolo berrà». Così fece il Mosè agli occhi degli anziani d’Israele».

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente