B. D. nr. 1876

(5. 04. 1941)

 

La dedizione della volontà è rinascita spirituale

 

[segue dal n. 1875]

 

L’uomo non deve, né può certamente essere ostacolato nella libera decisione; tuttavia, un uomo che desideri innanzitutto Dio, aprirà il suo cuore alle trasmissioni mentali degli esseri ultraterreni, e la loro influenza penetrerà in lui. Perfino le lotte interiori che deve superare, sono ammesse solo per la fortificazione della sua fede e per accrescere il suo desiderio per Dio, e l’uomo non deve temere di cadere del tutto nel potere del maligno. Questo non lo permetterà più l’amore degli esseri di luce, e il loro potere riporterà la vittoria di costui.

Stando nella conoscenza, l’uomo deve certamente, dapprima, soddisfare bene le esigenze di Dio; deve percepire lo stato dell’imperfezione come tormento, e volerlo eliminare, allora aumenterà anche la sua forza, ed egli supererà velocemente tali stati d’avvilimento e apparente allontanamento da Dio. Tuttavia, una volta rinato nello spirito, l’uomo non appartiene più a questa Terra. Egli sa che questa è solo un passaggio per la vera Patria dello spirito, e accetta con rassegnazione ogni sofferenza e ogni prova.

Egli poi con tutte le forze desidera la liberazione dalla forma, avendo intrapreso la via verso Dio, e d’ora in poi non la abbandonerà più! Molto spesso dovrà eliminare i sassi e gli ostacoli dalla via che gliela renderanno difficile, e richiederanno perfino tutta la sua volontà; e la dedizione della volontà, …è rinascita spirituale!

Ciò che durante tempi infiniti era rimasto vincolato attraverso un'altra volontà, …entra ora in un nuovo stadio. La volontà distolta da Dio rinuncia alla sua precedente resistenza, e l’essere desidera ritornare a Dio. Esso oramai sacrifica la propria volontà, per volere, pensare e agire, così come corrisponde alla Volontà divina, riconoscendo Dio sopra di sé, …e volendoLo servire! E Dio protegge tali esseri prima della ricaduta. Egli stende loro incontro la Mano caritatevole, …e li tira su, e la via della loro vita d’ora in poi condurrà in alto, …verso la Luce!    Amen!

*  *  *  *  *

Pagina precedente