B. D. nr. 2812

(15. 07. 1943)

 

Il tempo della fine sarà ricco di Grazia per affrontare la lotta di fede

 

[nell’ultimo tempo del tempo della fine]

 

E nonostante ciò, questo tempo deve essere chiamato un tempo ricco di Grazia, poiché Dio starà presso gli uomini in ogni modo, affinché trovino la via verso l’alto, portando vicino a loro, sempre e ininterrottamente la Sua parola. Egli cercherà di guidarli nella verità, la quale è l’unica a guidare il pensiero nel suo giusto alveo. Egli cercherà di rendere loro comprensibile che vivono l’esistenza terrena per una meta molto più alta, per indurli a stabilire il giusto rapporto con Lui, e tutte queste sono delle Grazie che affluiscono agli uomini attraverso il Suo grande Amore e Misericordia.

E anche l’uomo credente sarà provveduto eccezionalmente per poter affrontare con successo l’ultima lotta di fede. Egli guiderà loro una straordinaria forza nella forma della Parola divina1, che Egli trasmetterà loro direttamente, e fortificherà i credenti nel tempo più difficile delle difficoltà. Infatti, Egli sarà fra di loro e, attraverso la visibile presenza, fortificherà i Suoi e li renderà resistenti per poter combattere per Lui. E anche se potrà sembrare come se Dio abbia abbandonato gli uomini, dato che l’afflizione terrena sarà così grande, …Egli sarà loro più vicino che mai, attendendo solo un’invocazione per rafforzare la loro anima, …perfino quando abbandonerà il corpo alla sofferenza terrena. Infatti, non è in pericolo il corpo, bensì solo l’anima, e la sofferenza attraverso la quale deve passare il corpo serve solo alla purificazione dell’anima, la quale un giorno ringrazierà Dio, nell’eternità.

Dove l’uomo attraverso la debolezza della sua volontà non si decide da se stesso, là Dio lo spinge alla decisione, poiché Egli conosce la debolezza della volontà dell’uomo e va in suo aiuto, benché l’uomo come tale non riesce ancora a riconoscere il Suo aiuto. Così certe vite terrene saranno abbreviate, ma proprio per questo avranno bisogno di maggiori mezzi d’educazione in questo breve tempo. E perciò il tempo sarà così oltremodo doloroso, e tuttavia potrà essere di benedizione per molti, i quali senza la sofferenza, …sprofonderebbero irrimediabilmente nell’abisso.

E’ un tempo di Grazia, anche se di enorme sofferenza, tuttavia solo tramite questa, l’umanità potrà ancora essere cambiata, mentre una vita spensierata aumenterebbe solo la lontananza da Dio, e non produrrebbe più nessun successo spirituale. Nondimeno, le conseguenze per gli uomini che falliranno nella vita terrena saranno estremamente significative, poiché l’ulteriore percorso di sviluppo è così straziante e orribile, che le sofferenze del tempo delle fine sono da chiamare minime, perché saranno solo di breve durata, paragonate alle sofferenze attraverso le quali dovrà passare quello spirituale2 che ha fallito sulla Terra.

Ed è per questo che la sofferenza sulla Terra deve ancora essere considerata come una Grazia, dato che darà agli uomini pure la possibilità di stabilire il legame con Dio, …e in tal modo poter evitare il peggio: l’essere nuovamente relegati nella solida materia dopo il termine del periodo di redenzione; il che, però, è la sorte dello spirituale che rimarrà in opposizione a Dio, quello che nemmeno la miseria e le tribolazioni del tempo della fine avranno fatto trovare la via del ritorno a Lui. Questi avranno lasciato inosservata la Grazia di Dio, e dunque, …dovranno anche prendere su di sé delle conseguenze.

La Longanimità, l’Amore e la Misericordia di Dio sono ultra grandi; nondimeno, alla redenzione dello spirituale è posto un termine. Dio, però, assiste lo spirituale con tutti i mezzi di aiuto, Egli cerca di salvare ancora quelle anime che sono del tutto nel potere dell’avversario, …e perciò agli uomini, rivolge Grazie su Grazie, ed è necessaria solo la loro volontà di lasciar diventare efficaci su di sé queste Grazie, …allora anche le enormi sofferenze del tempo della fine saranno di benedizione.    Amen!

 

______________

1 – ‘la Parola divina’ : nell’ultimo tempo del tempo della fine i fedeli saranno aiutati grazie alla ‘voce interiore’, affinché, tramite il contatto diretto di Dio, possano resistere agli stenti e sopravvivere alle persecuzioni degli infedeli. [vedi il fascicolo n. 21 − ‘La voce interiore’]

2 − ‘lo spirituale’ : per un concetto più ampio sullo spirituale, il quale è confinato nella materia mentre aspetta di evolversi per poter vivere un giorno come uomo libero e ascendere in alto nel regno dello spirito, vedi il fascicolo n. 87 , ‘L’evoluzione dello spirituale’.

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente