B. D. nr. 3479

(10. 05. 1945)

 

La fine del mondo animale, vegetale e umana

Solo i pochi credenti riceveranno prima la Parola interiore e dopo saranno salvati

 

Il giorno del Giudizio sarà la fine di un periodo di redenzione e l’inizio di una nuova epoca, che avrà di nuovo per destinazione la redenzione dello spirituale ancora legato. La Terra come tale cambierà dapprima completamente, vale a dire: la sua forma esteriore non rimarrà la stessa, bensì la superficie sarà completamente distrutta attraverso le forze provenienti dal suo interno, e questo avrà per conseguenza, comprensibilmente, …la fine di ogni creatura sulla Terra.

Tutti gli esseri viventi, il mondo animale e vegetale, saranno distrutti, e perfino la materia più dura, la roccia, sperimenterà in sé un cambiamento, e questo significherà, la fine per l’umanità che vive sulla Terra, il tracollo di ciò che è visibile ai vostri occhi, anche se la Terra come tale rimarrà ancora esistente come Pianeta.

Questo cambiamento, come un mezzo per il recupero dello spirituale della Terra, è previsto nell’eterno Piano di salvezza di Dio, e perciò avrà luogo inevitabilmente ciò che Dio ha annunciato fin dal principio di quest’epoca di redenzione attraverso veggenti e profeti. Gli uomini, però, non lo crederanno, e perciò cadranno nella disperazione più profonda, quando vivranno questa fine, impreparati.

Che ogni avvenimento, che ogni opera di creazione, e che ogni creatura abbia per meta solo la maturazione spirituale, agli uomini è estraneo, e poiché essi non osservano con l’occhio spirituale la vita terrena, vedono solo il corso di avvenimenti terreni, e negano anche ogni cambiamento cosmico, così come il naufragio di questa Terra! Ed è difficile istruirli e perciò anche smuoverli, affinché predispongano la loro vita per prepararsi adeguatamente alla vicina fine. Essi rifiutano ogni indicazione e sono più che mai legati ai beni terreni, la cui tendenza li tiene del tutto lontani dalle aspirazioni spirituali. E anche la miseria non li rende predisposti a queste rappresentazioni che, dal Regno spirituale o tramite dei mediatori, li toccano mentalmente, e perciò avanza sempre di più anche il tempo, quando la vecchia Terra sarà dissolta, perché nell’umanità non ci sarà più da aspettarsi né un cambiamento del modo di pensare, né una risalita spirituale.

Quindi, saranno gli stessi uomini a determinare quando sarà la fine, poiché Dio ha previsto la volontà degli uomini fin dall’eternità, ha previsto il completo distacco da Sé, …e ha desunto l’inutilità di una continuazione della vecchia Terra. E nel Suo Amore misericordioso, Egli impiegherà nuovi mezzi, …per conquistare le anime degli uomini. Egli farà sorgere una nuova Terra che in sé celerà di nuovo lo spirituale caduto, che ora certamente dovrà di nuovo percorrere il lungo, tormentoso percorso attraverso la nuova Creazione; tuttavia, ancora una volta avrà la possibilità di tendere a Dio nella libera volontà, …e liberarsi dalla forma. Ed Egli cercherà ancora nell’ultimo tempo, di risparmiare agli uomini della vecchia Terra questo rinnovato percorso attraverso la Creazione, indicando loro, sempre e continuamente, la fine, nell’ora del Giudizio e della dannazione, facendo sorgere fra loro degli oratori che annuncino la Sua parola, i quali dovranno presentare agli uomini le conseguenze del loro modo di vivere, …per smuoverli a cambiare la loro volontà.

 

Nell’ultimo tempo, però, saranno perseguitati tutti quelli che predicheranno la Parola di Dio, e questo sarà il tempo più difficile per i credenti, ai quali in tal modo sarà tolto ogni sostegno. Tuttavia, allora Dio stesso si rivelerà ai Suoi, e la Sua Parola risuonerà a loro direttamente o indirettamente. Egli risveglierà fra i credenti, degli uomini, tramite il cui spirito Egli si annuncerà. E i Suoi saranno fortificati e consolideranno la loro fede, aspettando la fine, pieni di fiducia, perseverando e resistendo a tutte le minacce da parte del mondo, giacché sentiranno il loro Padre vicino, e ogni paura e timore cadrà lontano da loro, …non appena risuonerà udibilmente la Sua Parola.

Ed Egli sarà in mezzo a quelli che Lo desiderano. Egli si mostrerà loro e, attraverso la Sua presenza metterà la più profonda pace nei cuori di coloro che sono degni della Sua vicinanza. E il loro coraggio di dichiararsi per Dio crescerà! Essi affronteranno senza timore (il nemico), per il Nome di Dio, dichiarandosi come seguaci di Cristo, e non temeranno la morte, attendendo la Sua Venuta e sperando nella liberazione dalla miseria più grande.

Tuttavia, …la schiera dei credenti sarà piccola; in mezzo a dei diavoli viventi vi saranno sempre solo pochi che porteranno Dio nel cuore e staranno nell’intima relazione con Lui. E dove Dio stesso dimorerà visibilmente o invisibilmente agli occhi umani, i diavoli saranno impotenti, anche se attenteranno alla vita dei seguaci di Gesù e, impiegheranno tutti i mezzi immaginabili per renderli infedeli a Lui. La Forza di Dio, però, è più grande, e di fronte ad essa persino l’avversario di Dio è impotente. E la fine verrà, …quando la miseria sembrerà insopportabile! Allora il Signore stesso verrà nelle nuvole e porterà a Casa i Suoi, …nel Suo Regno. Allora la vecchia Terra passerà, …sarà un naufragio per tutti gli uomini che vivono sulla Terra; sarà la fine di un’epoca di redenzione e si avvierà l’inizio di una nuova, …com’è annunciato nella Parola e nella Scrittura. –  Amen!

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente