B. D. nr. 3677

(5. 02. 1946)

 

Spiegazioni su un ripetuto percorso di un periodo di redenzione dello spirituale

 

Tutto lo spirituale che Mi sarà ancora infedele alla fine di questo periodo di redenzione, non appena avrà raggiunto sulla vecchia Terra l’ultimo stadio nella libera volontà dove potrà decidersi per Me oppure contro di Me, dovrà ancora ripercorrere sulla nuova Terra il cammino di sviluppo nella volontà legata. Invece lo spirituale il cui percorso di sviluppo sarà interrotto a causa della completa distruzione della superficie terrestre, continuerà nelle nuove creazioni, e di conseguenza raggiungerà presto l’ultimo stadio del suo sviluppo. Io gli imporrò di nuovo dei doveri per servire, che dapprima esso dovrà adempiere nella volontà legata, poi, però, per liberarsi dalla forma, lo dovrà nella libera volontà. Di conseguenza, la Terra riorganizzata nuovamente, sarà una scuola dello spirito, in cui lo spirituale che una volta Mi è diventato infedele, potrà evidenziarsi nella più alta maturità, se per questo sarà solo volenteroso.

 

[Nel nuovo tempo sulla nuova Terra]

 

Lo sviluppo verso l’alto procederà dapprima rapidamente, perché gli uomini di questa Terra staranno nell’amore, e qualsiasi azione si svolgerà per la liberazione dello spirituale. Infatti, il potere che vuole impedire questo, sarà relegato per lungo tempo. Lo spirituale che adesso s’incorporerà come essere umano, sarà inoltre volenteroso di servire nell’amore, poiché la ripetuta violenta distruzione della sua forma esteriore e in tal modo la ripetuta interruzione del suo sviluppo, gli avranno preparato dei tormenti che ora lo determineranno a sfuggire da qualsiasi forma nel più breve tempo possibile. Esso tenderà per propria iniziativa al suo stato primordiale, disposto incontro a Me; infatti, la creazione della nuova Terra spingerà mentalmente lo spirituale incorporato come uomo, continuamente a Me, perché gli sarà data sempre più conoscenza della vecchia Terra, di quel tempo con il basso stato precedente e delle sue conseguenze.

Ovviamente, per questo spirituale sarà più facile giungere in alto, nondimeno, ancor prima dovrà subire molti più tormenti, e perciò sarà già purificato all’inizio della sua incorporazione come uomo. E così le prime generazioni della nuova Terra raggiungeranno anche la loro meta sulla Terra: …trasformarsi in esseri di luce i quali potranno unirsi per sempre con Me! E questo sarà più facile così a lungo, finché gli stessi uomini renderanno impossibile l’influsso del Mio avversario attraverso la loro volontà e il loro attaccamento a Me mediante l’amore. Infatti, lui sarà totalmente impotente di fronte a questo, ma conquistrà subito il potere, se l’amore cederà, cioè, quando l’amore per Me muterà, …e si rivolgerà al regno che è suo; quando tenderà di nuovo alla materia terrena che in sé cela quello spirituale a Me infedele. Allora anche il Mio avversario entrerà di nuovo in azione, attizzando quest’amore sbagliato e cercando di svincolarMi gli uomini. E nuovamente, Io non costringerò la volontà dell’uomo, bensì gli lascerò la completa libertà.

La redenzione dello spirituale presuppone opposizione; esso dovrà combattere, e la sua lotta sarà più dura, quanto più fu infedele al tempo della sua relegazione nella solida forma. E perciò la lotta diventerà sempre più veemente, e l’agire del Mio avversario avrà sempre più successo quanto più avanzerà il tempo, perché anche quello spirituale vissuto allora sulla Terra come uomo, che inizialmente fu relegato nella dura materia nelle creazioni della nuova Terra, attraverserà di nuovo questa lotta, ancora per un tempo infinitamente lungo; tuttavia è l’irrevocabile percorso di un periodo di sviluppo, che ogni maturazione dello spirituale proceda inizialmente più rapidamente e quasi facilmente, essendo l’amore per Me la forza motrice del suo operare sulla Terra. Ciò nonostante, lo sviluppo verso l’alto diventa sempre più lento e faticoso, quanto più scompare l’amore divino e al suo posto procede l’amore per il mondo. E alla fine, Satana avrà di nuovo un così grande potere sullo spirituale [Ap. 20, 7], che esso diventerà infedele a Me quasi esclusivamente nella libera volontà, e dovrà di nuovo essere relegato nella forma solida. Il Mio Amore gli offrirà tutte le immaginabili possibilità per diventare libero da qualsiasi forma durante un periodo di redenzione, ma sarà decisiva unicamente la sua volontà.

*

E così, adesso un periodo di redenzione andrà alla fine, …e ne comincerà uno nuovo. E sia benedetto quello spirituale che, rinunciando a opporsi, …potrà incorporarsi come uomo già all’inizio di un tale periodo; a lui non sarà davvero difficile liberarsi definitivamente. Per questo, sarà decisiva anche la sua volontà, poiché non sarà costretto all’agire nell’amore come uomo, bensì, dovrà essere l’impulso più interiore, a servire Me nell’amore; allora l’uomo si redimerà definitivamente, …e rimarrà unito con Me in eterno!    Amen!

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente