B. D. nr. 3990

(4. 03. 1947)

 

Sulla nuova Terra, appena pronta, delle nuove creazioni sorgeranno all’istante

I nuovi uomini, atti all’incarnazione di esseri di luce

 

Al declino della vecchia Terra, …seguirà la costruzione di una nuova Terra. Questo è previsto fin dall’eternità, e la Volontà e la Forza di Dio diventeranno attivi per un importante lavoro di ogni specie e genere. Gli uomini, degni di vivere sulla nuova Terra, si rallegreranno delle nuove creazioni, …e queste sorgeranno all’istante, ma non davanti agli occhi degli uomini che dimoreranno ancora nel luogo di Pace1, dove saranno stati rapiti2 prima del crollo della vecchia Terra. Essi vedranno certamente la vecchia Terra, vedranno l’opera di distruzione alla quale essi stessi sono sfuggiti per il grande Amore di Dio, ma non vedranno il sorgere della nuova Terra, bensì saranno guidati alla stessa, dopo il completamento di un’Opera che rivelerà la grande Potenza e Magnificenza di Dio.

E Dio compirà all’istante l’Opera miracolosa. La Sua Volontà farà diventare forma i Suoi pensieri e idee, poiché il lento cammino evolutivo che è stato osservato nella creazione della vecchia Terra, è ora diventato inutile; infatti, lo spirituale che la nuova Creazione deve far rivivere, ha già percorso questa lenta via di sviluppo, e questo percorso fu interrotto, e ora sono quindi necessarie solo delle opere di creazione che accolgano lo spirituale in attesa del successivo sviluppo, il che accadrà al momento della loro creazione.

Lo spirituale che come uomo non ha sostenuto l’ultima prova della vita terrena, sarà nuovamente legato3 nella solida materia, però sarà assemblato diversamente che sulla vecchia Terra, poiché ora saranno presenti delle nuove sostanze completamente sconosciute agli uomini, che in sé saranno difficilmente dissolvibili, ma che serviranno gli uomini per l’utilizzo in un modo a loro presto comprensibile, e dunque lo spirituale nella stessa materia, sarà ammesso al servire, non appena questa assolverà il suo scopo del servizio, il che però, dipenderà di nuovo dalla volontà dello spirituale.

Anche altre creazioni saranno inimmaginabili per gli uomini della vecchia Terra, e perciò desteranno in loro un indicibile giubilo, deliziando l’occhio e il cuore per via della loro bellezza e disposizione. Tutto lo spirituale diventato libero prenderà dimora in queste nuove creazioni e, dunque, potrà continuare lo sviluppo interrotto, poiché agli uomini della nuova Terra sarà subito chiaro lo scopo di ogni opera di creazione; infatti, essi staranno in un alto grado di maturità e, in un certo qual modo, saranno istruiti da Dio stesso attraverso la voce dello Spirito anche sull’impiego di quelle opere di creazione nella loro vita quotidiana.

Sarà una vita di gioia e pace in Dio, poiché le nuove creazioni contribuiranno notevolmente affinché l’amore degli uomini verso di Lui aumenti notevolmente, e si risorga completamente nella Sua Volontà. Non avranno nemmeno da soffrire nessuna afflizione, poiché Dio provvederà loro paternamente, abbondantemente, corporalmente e spiritualmente. A loro, però, per la durata della loro lontananza dalla vecchia Terra, sarà tolto il concetto di tempo, così che non riescano né a sapere né a sondare, …in quale spazio di tempo la riorganizzazione della Terra stia andando avanti.

Essi condurranno la loro vita così come l’hanno condotta nel luogo di pace1 dopo la rimozione, si troveranno in costante attività e costante agire nell’amore, saranno intimamente uniti con Dio e non conosceranno nessun’altra volontà, …che la Sua. Vivranno in uno stato paradisiaco nella beatitudine e nella pace, e così ricomincerà nuovamente una nuova epoca di redenzione, con uomini spiritualmente maturi che non saranno più oppressi dal nemico delle loro anime, e potranno percorrere la via verso l’alto senza impedimenti, affinché sulla Terra si sviluppino ancora dei più puri esseri di Luce, …e trovino la completa unificazione con Dio. Essi saranno quindi, veri figli di Dio, e potranno godere già sulla Terra, …tutta la beatitudine della Sua vicinanza.    Amen!

 

____________

1 – ‘nel luogo di pace’ : è un luogo tra il materiale e l’animico, durante la ri-trasformazione del suolo terrestre dopo il Giudizio, la cui fase iniziale si svolgerà in un luogo segreto, anticipato in un'altra rivelazione del 1905. [vedi “Il futuro regno” - la 2° parte del “Legame del Cielo”]

2 – ‘rapiti’ : è l’atto finale di salvataggio dei fedeli a Dio prima del giudizio finale, attraverso cui in modo contrario alle leggi della natura, i credenti saranno sollevati dal suolo terrestre per volontà di Dio. [vedi il fascicolo n. 42 – “La rimozione”]

3  – ‘nuovamente legato’ : è l’atto finale di giudizio per l’umanità non credente, prima della trasformazione della Terra. [vedi il fascicolo n. 44 – “La nuova relegazione”]

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente