B. D. nr. 4353

(25. 06. 1948)

 

È necessario il dissolvimento dello spirituale, relegandolo nella materia

La distruzione è un atto di grande misericordia

 

In un mondo d’odio e assenza d’amore, non potrà mai essere registrato un progresso spirituale, e la Terra manca il suo vero scopo di aiutare lo spirituale incorporato in essa per il suo sviluppo in alto. Così è anche giunto il tempo in cui le molteplici creazioni che dovranno adempiere questo scopo, saranno disciolte, e lo spirituale sarà liberato allo scopo di una nuova relegazione! Per l’umanità, questo dissolvimento significherà però un tracollo dall’altezza già scalata, nell’abisso più profondo! Significherà una retrocessione nella materia più dura e un ripetuto cammino attraverso tutte le opere di creazioni sulla nuova Terra1!

Gli uomini sono completamente nell’ignoranza a causa della loro povertà d’amore, ed essi non hanno alcuna comprensione di ciò che sta loro dinanzi, e nemmeno la volontà di rifletterci sopra quando è presentata loro questa conoscenza. Essi non si occupano dei problemi spirituali, e questo è contemporaneamente un segno che è giunto il tempo della dissoluzione della vecchia Terra! Essi non sono raggiungibili per alcuna spiegazione; vivono solo per i loro interessi terreni, e rifiutano ogni discorso spirituale! E perciò, ammonimenti e avvertimenti sono senza successo.

Come però fallisce ogni possibilità che sulla Terra abbia luogo una trasformazione spirituale, così è scartata completamente una risalita spirituale. C’è solo da aspettarsi una totale decadenza, che Dio però non fa sopravvenire, trasformando già prima la Terra. A ciò è collegata una totale opera di distruzione, già prevista nel Piano dall’eternità, per creare nuovamente una possibilità di uno sviluppo verso l’alto a quella razza umana completamente degenerata, cioè allo spirituale legato in essa, poiché l’Amore di Dio non lascia cadere nulla definitivamente, anche se Gli è del tutto renitente!

L’ultima distruzione della Terra sarà nello stesso tempo un Atto della più grande Misericordia, ma avrà luogo irrevocabilmente, per impedire uno sprofondare più in basso degli uomini che hanno già sciolto ogni legame con Dio nella loro assenza d’amore ed hanno ampliato il baratro tra Lui e loro, essendo privi di ogni forza di svilupparsi verso l’alto.

E perciò, Dio verrà in loro aiuto; Egli li priverà della loro forma esterna e relegherà nuovamente lo spirituale, affinché il baratro infinitamente grande che la libera volontà dell’uomo ha creato, sia di nuovo diminuito nello stato dell’obbligo, cosicché lo spirituale si avvicini nuovamente a Dio nello stato legato e gli sia nuovamente data la possibilità di usare bene la libera volontà per tornare a Lui, …anche se dopo un tempo infinitamente lungo.    Amen!

 

______________

1sulla nuova Terra’ : la Terra sarà rinnovata completamente, come un nuovo paradiso terrestre, per accogliere una nuova generazione di uomini completamente dediti a Dio. [vedi il fascicolo n. 45 – ‘La nuova Terra’]

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente