B. D. nr. 4641 a/b

(16. 05. 1949) e (17. 05. 1949)

 

L’atto della rinascita è il cambiamento della volontà

 

Nella vita terrena, il momento decisivo è il consapevole dirigere la volontà verso Dio, poiché questo momento è l’inizio della mutazione dell’anima; in un certo qual modo è il punto di svolta, l’iniziale ritorno del caduto d’un tempo da Dio.

Tanto prima inizia questo cosciente cambiamento di volontà nella vita dell’uomo, tanta maggiore perfezione egli potrà raggiungere prima del suo decesso. Tuttavia, se l’uomo giunge soltanto tardi alla conoscenza di dover tendere all’unificazione con Me come creatura di Dio, gli è ancora possibile raggiungere un alto grado di maturità, anche in breve tempo. Quindi, egli potrà proseguire il cambiamento della sua anima con volontà rafforzata, e altrettanto, maturare ancora.

E così, ogni evento nella vita umana sarà sempre motivo, anzitutto per il cambiamento della volontà, però, se questa ha preso una volta la giusta direzione, allora non esisterà più alcun timore che l’anima ricada nell’oscurità, poiché Dio stesso ora la attirerà a Sé, non appena una buona volta essa avrà dimostrato la sua volontà di pervenire a Lui. Tale consapevole decisione, tale cosciente dirigersi dei pensieri a Dio, per così dire, è pure rinascita spirituale dell’uomo, poiché è l’ingresso dell’anima in una nuova vita. Essa non vivrà più solo nel mondo terreno-materiale, ma penetrerà più a fondo, cercherà la Verità e la troverà, perché ora, Dio si farà riconoscere come l’eterna Verità, e ora, su quell’anima che ha brama di Lui, …Egli agirà mentalmente.

(17. 05. 1949)

Adesso, un’anima così rinata, dovrà essere curata e vezzeggiata come una tenera pianticella, dovrà essere mantenuta in vita con l’alimento più leggero, ed essere ristorata e irrobustita gradualmente, fino a che si orienterà essa stessa nella vita, e potrà ora percorrere facilmente il cammino dello sviluppo verso l’alto.

L’atto della rinascita è il cambiamento di volontà! In tal modo, l’anima intraprende la via che conduce alla vita eterna, sebbene questa, …possa offrire ancora molti pericoli e ostacoli, difficoltà e tentazioni mondane. Tuttavia, essi saranno superati da un’anima piena di forza, infatti, ora si tratterà solamente, se questa forza necessaria sarà apportata all’anima, oppure se essa dovrà languire e la sua strada verso l’alto riuscirà più difficile. Questa, di nuovo, è solamente una questione di volontà. Nondimeno, una volta che una volontà si è rivolta in alto verso Dio, sarà anche afferrata da Dio e, costantemente, influenzata favorevolmente, senza tuttavia essere costretta. E l’influenza più efficace sarà ora la Parola di Dio che, in sé, cela forza e vita, e nutre l’anima rinata, e l’aiuta nella sua maturazione.

Un uomo la cui anima è rinata, sarà sempre anche aperto a ricevere la Parola divina, sia questa in forma indiretta mediante l’ascolto o la lettura di rivelazioni divine, oppure anche tramite il collegamento mentale con la Fonte della Sapienza, attraverso il cosciente collegamento con Colui che è la stessa eterna verità. Egli andrà più spesso nel silenzio, cioè terrà del raccoglimento interiore, e i suoi pensieri, influenzati dall’alto, …prenderanno la giusta direzione, la sua anima riceverà nutrimento e aumenterà in Luce e Forza.

L’uomo la cui anima è rinata, vivrà ancora altrettanto nell’amore, poiché questo è l’effetto della volontà orientata correttamente. E così, egli maturerà e andrà verso la perfezione, secondo il senso e lo scopo del suo cammino terreno, non appena si sarà liberato nella libera volontà dal potere che lo teneva legato, e al quale l’uomo stesso dovrà sottrarsi, per il cui scopo gli stanno sempre ancora a disposizione la Grazia e la Forza dall’alto, …che egli userà per la rinascita spirituale.  Amen!

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente