B. D. nr. 4690

(15. 07. 1949)

 

La Mia piccola comunità resterà fedele fino alla fine

Saranno afflitti a causa del prossimo

 

[nell’ultimo tempo del tempo della fine]

 

La Mia piccola comunità Mi rimarrà fedele fino alla fine, poiché, essendo Miei, comprenderà i veri figli del Padre, cosicché tramite la loro unificazione con Me riceveranno continuamente forza, per perseverare anche nella più grande miseria terrena. I Miei saranno certamente incalzati gravemente dai figli del mondo che, appartenendo al Mio avversario, combatteranno contro i Miei per lui. Similmente anch’Io accompagnerò sempre i Miei come un Combattente, e infonderò loro straordinaria forza, in modo che non possano essere vinti, benché la lotta sarà oltremodo difficile.

Essi avranno uno scudo indistruttibile, …che per loro sarà la protezione più sicura: …lo scudo della fede contro il quale tutti gli attacchi sono senza successo! Più dura diventerà la miseria, più fiduciosi aspetteranno il Mio aiuto, la Mia venuta dall’alto1 e, …la salvezza dalla miseria terrena tramite Me. Essi non avranno più nessuna protezione materiale e dipenderanno unicamente da Me, dalla loro fede, altrimenti dovrebbero rinunciare completamente a Me e arrendersi ai nemici terreni. Invece adesso, …sarà riconoscibile cosa può fare una forte fede: nella più grande miseria Io porterò ai Miei un palese aiuto, affinché credano fermamente che Io li aiuterò!

Ed Io, giammai lascerò andare in rovina questa fede, e benché gli avversari staranno nel mondo in alta considerazione avendo beni materiali in abbondanza e sembrando colmi di potere e forza, i Miei ancor prima non desidereranno i loro beni, tenderanno ancora solo verso l’alto, desiderando Me e i beni spirituali, avendo superato definitivamente la materia e perciò saranno anche maturi per il soggiorno nel Paradiso sulla nuova Terra, che li ricompenserà per tutta la sofferenza dell’ultimo tempo prima della fine.

Essi avranno davvero superato la prova, la quale dovrà procurare loro una ricca ricompensa, poiché alla fine non devono sperimentare la grave sofferenza e afflizione per loro stessi, bensì è a causa del prossimo che devono riconoscere nella forza della fede quale atteggiamento sia l’unico giusto, e inoltre, che è un’ultima occasione per dichiararsi per Me, considerando l’evidente operare da parte Mia che darà loro da pensare.

Quindi, anche la grande tribolazione prima della fine è da considerare come un mezzo di redenzione per le anime erranti, e perciò il Mio particolare Amore varrà per coloro che a causa del loro prossimo prenderanno su di sé una croce, e nondimeno si terranno saldamente a Me. Per questo ai Miei sarà sopportabile, cosicché ciò sia da loro ammesso fermamente; essi persevereranno e Mi conserveranno la fedeltà, finché Io stesso non sarò venuto nelle nuvole1 e – portandoli nel Mio Regno – …ogni miseria terminerà!    Amen!

 

______________

1 – ‘la Mia venuta dall’alto’ - ‘nelle nuvole’ : è l’atto finale di salvataggio dei fedeli a Dio prima del giudizio finale, attraverso cui, in un modo contrario alle leggi della natura, i credenti saranno sollevati dal suolo terrestre per volontà di Dio e portati in un luogo tra il materiale e lo spirituale, fino a quando non sarà completato il rinnovamento della Terra. [vedi il fascicolo n. 42 – “La rimozione”]

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente