B. D. nr. 4836

(12. 02. 1950)

 

Rinunciate alla vita terrena, ma tutelatevi dalla morte spirituale!

Non rischiate la nuova relegazione nella materia!

 

E’ veramente meglio per voi subire la morte corporea, che cadere alla fine nella morte spirituale, dalla quale esiste un risveglio solo dopo un tempo infinitamente lungo! Potete scambiare la vita corporea [sulla Terra] con una vita nel regno spirituale [nell’aldilà], e perfino quando non avrete ancora raggiunto il grado di Luce [beatitudine] vi sarà sempre data la possibilità di uscire dall’oscurità [dell’inferno] ed entrare nel Regno della luce [del paradiso]; mentre la morte spirituale significa che si è persa ogni possibilità di maturare ancora in un altro mondo [nell’aldilà]. Cadere nella morte spirituale significa anche, una nuova relegazione nella solida materia, un ri-trasferimento nello stato cui eravate destinati sin dalle eternità, e che avevate già da tempo superato, nell’incarnarvi come esseri umani sulla Terra.

Lasciatevi togliere la vita terrena e, non temete, poiché è solo il corpo che i vostri nemici possono uccidere, ma l’anima resterà viva; infatti, essa è qualcosa di spirituale che gli uomini non possono sopprimere, in particolare quando attentano alla vostra vita perché siete credenti e non volete sacrificare la vostra fede. Allora dovrà cadere da voi ogni paura! Dovrete soltanto pensare che Colui che vi ha dato la Vita, il Quale è un Signore sulla vita e sulla morte, … non lascerà accadere nulla, eccetto ciò che è bene per la vostra anima.

Chi perde la sua vita per amor della fede, può sacrificarla tranquillamente, poiché la sua anima sarà accolta nel Regno della luce, dove vivrà in eterno nella beatitudine; ma guai a quelli che cercano di conservare la loro vita, …e rinnegano Dio! A loro è concesso ancora un breve tempo, in cui adulare il mondo e dimostrare la loro appartenenza a Satana, ma poi li raggiungerà la morte irrevocabile in duplice modo: …perderanno la loro vita fisica e cadranno nella morte spirituale, …che è la sorte più amara che voi uomini possiate immaginare!

Nondimeno, vi giungeranno costantemente degli avvertimenti ed esortazioni. Vi sarà indicata la fine; vi sarà fatto notare l’agire di Dio in modo insolito; vi si terrà davanti alla responsabilità verso la vostra anima; sarete sorpresi attraverso l’avvenimento mondiale, vedendo la decadenza dei beni terreni, dunque, la caducità della materia, e alla fine sperimenterete ancora delle cose che Dio, nel Suo sconfinato Amore e Misericordia, porterà davanti ai vostri occhi, …per cambiarvi ancora nell’ultima ora! Tuttavia, la fine arriverà irrevocabilmente, e con essa, l’adempimento di ciò che vi è stato ripetutamente annunciato!

Provvedete dunque, affinché la vostra anima viva! Non lasciatela cadere nella morte spirituale, …dalla quale non c’è salvezza per un tempo infinitamente lungo!    Amen !

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente