B. D. nr. 4880

(16. 04. 1950)

 

Come è da svolgere il lavoro per il Regno di Dio

Dovete prima essere attivi in silenzio, poi, solo quando vi chiamerò

 

[nel tempo della fine …]

 

Vi sarà dato un segno dall’alto, quando la vostra effettiva attività dovrà iniziare, poiché presterete ancora solo del lavoro preliminare, per mettere voi stessi nello stato della conoscenza e comunicare tale conoscenza anche a quelli che, come voi, desiderano partecipare operosi alla diffusione della stessa verità, essendo essi stessi affamati di verità, e lottando per questa. Nondimeno, la vostra vera attività si estenderà all’elargizione della Parola – che vi è data dall’alto – a tutte quelle persone che verranno a voi sulla via, dopo il grande scuotimento1 che avranno dovuto vivere per via delle loro anime.

 

[nell’ultimo tempo del tempo della fine …]

 

Io lascerò risuonare ancora una grande Chiamata d’avvertimento2, …e questa sarà l’ultima prima della fine! Tutti coloro che dormono, …devono svegliarsi! Tuttavia, se mandano i loro occhi in l’alto oppure continuano a camminare con lo sguardo basso, è lasciato ugualmente a ogni singolo; ma nell’ultimo tratto della loro, pur solo breve vita, dovete andare loro incontro, e gridare loro che devono percorrere la via della Luce, per non continuare a sprofondare nelle tenebre! Dovete annunciare loro il Vangelo, ma nella forma più pura, affinché non vi si urtino, com’è ora il caso attraverso le molte eresie che sono offerte agli uomini come Dottrina di Cristo.

Dovete aiutarli a trovare la retta via; spiegare loro amorevolmente la causa e lo scopo di ogni avvenimento doloroso; dovete indicare loro, …Me, cosicché cerchino il contatto con Me, e accogliere tutti quelli che sono nel bisogno spirituale, …che non vogliono o non possono credere! Dovete parlare loro, e Io vi assisterò, vi metterò le parole in bocca, affinché il loro effetto non manchi. Questo lavoro è così immensamente importante, tale da rendervi idonei per questo, e vi darò anche la piena comprensione di ciò che dovete fare o lasciare, allorquando dovrete parlare o tacere e di chi vi dovrete particolarmente prendere cura, perché Io conosco i cuori di tutti quelli che guiderò a voi.

Questo tempo è ancora davanti a voi, e per questo v’istruisco. Pertanto, inizialmente, sarete attivi nel silenzio, potrete parlare entro una piccola cerchia, per trovare ancora degli operai per Me, perché Io non posso averne abbastanza per il tempo in arrivo, poiché il tempo del vostro operare sarà solo breve. E pertanto, il lavoro dev’essere intrapreso con tutto l’ardore, affinché il breve tempo sia pienamente utilizzato per la salvezza degli erranti e dei tiepidi, per la salvezza degli increduli, cosicché essi possano nuovamente giungere alla fede, se solo sono di buona volontà.

Io stesso vi chiamerò quando la vostra ora è giunta, …e voi seguirete volentieri e gioiosi la Mia chiamata. Poi, però, non preoccupatevi più per le cose terrene, perché ogni preoccupazione terrena è caduca, in vista di ciò che Io mando su di voi1. Allora avrà valore e importanza solo il lavoro spirituale, perché non potrete assicurarvi nulla di ciò che è terreno; soltanto quello che voglio Io vi resterà esistente, e ciò, senza alcuna preoccupazione da parte vostra.

Non guardate indietro, bensì solo avanti! Rinunciate liberamente a tutto, poiché vi provvederò Io con tutto ciò di cui avrete bisogno, quando siete attivi per Me. Io però voglio benedire voi e il vostro lavoro, …per Me e per il Mio Regno! Voglio riversare la Mia Grazia, affinché i cuori si risveglino, …e diventino ricettivi per la Mia parola, …affinché vengano salvate ancora tutte le anime che vogliono farsi salvare da Me.    Amen!

 

________________

1il grande scuotimento’ – ‘ciò che mando su di voi’ : il termine utilizzato ha valore sia materiale, intendendo il terribile terremoto seguente l’impatto dell’asteroide caduto sulla Terra [vedi il fascicolo n. 109 – “L’avvenimento”], sia spirituale, poiché l’immane evento determinerà l’evidenziazione del tempo della fine, con tutti i risvolti psicologici sull’umanità, e la presa di coscienza esortata dai credenti che la causa è da addebitare al basso stato animico dell’umanità.

2una grande chiamata d’avvertimento’ : è il lavoro dei fedeli chiamati a esortare tutti i possibili da salvare, che nell’ultimo tempo del tempo della fine combatteranno con la lotta di fede.

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente