B. D. nr. 5029

(28. 12. 1950)

 

“Le forze del Cielo si muoveranno...”

Le leggi della natura rovesciate dalla Volontà di Dio

 

[nel tempo della fine …]

 

Il Dono di Grazia dall’alto è una forza dal Cielo, proviene dal Regno spirituale della luce, da quel Cielo che è in contrasto con le enunciazioni di forza provenienti dal basso, le quali che hanno la loro origine nell’inferno. Esseri dal Regno della luce diventeranno quindi attivi in misura insolita, non appena la pura Parola di Dio potrà essere trasmessa agli uomini mediante uomini serventi nella Volontà di Dio e amorevolmente attivi sulla Terra, i quali si aprono all’afflusso dal Regno spirituale e, …accettano i Doni spirituali ricevuti!

“Forze dei Cieli …si muoveranno!” [Lc. 21,26]. Esse saranno insolitamente attive nell’ultimo tempo prima della fine! Questa proclamazione deve precedere le parole di Gesù sui segni della fine e del Suo ritorno. È una grandiosa espressione, che Egli ha pronunciato, perché annunciò dei cambiamenti che significano – alla lettera – un rovesciamento delle leggi della natura! Le Sue parole hanno avuto sempre un senso spirituale, tuttavia, nel tempo della fine, oltre al significato spirituale, affiorerà anche un secondo senso! Infatti, compariranno in modo inimmaginabile anche dei fenomeni nella natura che gli uomini non potranno spiegarsi con il loro intelletto. Questi correranno contro le Leggi divine della natura, ma fondamentalmente saranno solo delle Leggi della natura sconosciute agli uomini, e sono tali eventi, intesi con le Parole: «…le Stelle cadranno dal cielo, …il Sole e la Luna non daranno più la loro Luce!» [Mt. – 24,29 / Mc. 13,25 / Lc. 21,25].

Degli scienziati, e anche chi ne farà parte, non potranno darsi nessuna spiegazione; non avranno la capacità di dare nessuna Luce, perché la loro conoscenza fallisce laddove agisce la Forza divina. Ci sono leggi della natura le cui cause nessun uomo può sondare, perché entrano in vigore solo quando un periodo di redenzione è terminato, e la dissoluzione delle forme esteriori materiali è diventata necessaria! Ci saranno dei fenomeni innaturali e, ciononostante, previsti nell’eterno Piano di Dio, di conseguenza inclusi nella Sua Legge della natura dall’eternità, il che è totalmente incomprensibile, per quelle persone il cui spirito non è ancora illuminato!

A Dio, …nessuna cosa è impossibile, quindi Egli potrà sempre agire e compiere tutto, anche al di fuori della Legge, altrimenti la Sua Onnipotenza sarebbe limitata! Ciò nonostante, la Sua azione si muoverà sempre nell’Ordine divino, nonostante a un uomo in quanto tale è impossibile giudicare questo; però, sarebbe presuntuoso metterlo in dubbio, perché ciò significherebbe anche dubitare della Sapienza di Dio. E poiché Dio è in Sé anche l’eterno Amore, Egli di conseguenza lascerà agire la Sua Volontà, sempre, così com’è necessario e buono per le Sue creature, che Egli vuole conquistare per Sé.

Accadranno delle cose prima della fine, che voi uomini non siete ancora in grado d’immaginare, e tali cose che annunceranno avvenimenti insoliti, quasi incredibili, possono essere solo accennati agli uomini con le parole! Nondimeno, la Parola di Dio è la pura verità, e si adempie se è giunto il tempo! Allora anche nel Cosmo si svolgeranno i più strani cambiamenti, e quest’umanità terrena potrà osservarli come tali solo inizialmente, ma l’ultimo non lo vivranno più, eccetto quei pochi che saranno rapiti1, …e potranno seguire il processo di distruzione di questa Terra e dei suoi abitanti!

La Terra nella sua vecchia forma e composizione cesserà di esistere! La nuova Terra ospiterà solo degli uomini di spirito risvegliato, e questi sapranno della causa di tutto ciò che è accaduto alla fine della Terra; ma sapranno anche del Potere e della Magnificenza di Dio, del Suo immenso Amore, …ma anche della Sua Giustizia!    Amen!

______________

1saranno rapiti’ : il riferimento è alle citazioni delle Scritture [Mt. 24,30 / Marco 13,26 / Luca 21,27] che profetizzano come dovrà avvenire l’aiuto ai credenti nell’ultimo atto prima del giudizio finale. [vedi il fascicolo n. 42 “La rimozione”].

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente