B. D. nr. 5188

(13. 08. 1951)

 

La re-incarnazione è una dottrina solo parzialmente vera

La figliolanza di Dio con una sola incarnazione

 

Vi allontanerete sempre dalla verità, non appena allentate il legame con Me e pensate solo con il vostro intelletto mondano, il quale non può riconoscere la verità spirituale, poiché l’intelletto vuole darsi sempre una spiegazione così come corrisponde ai suoi desideri e calcoli, ma che non sempre coincide con la Verità! I pensieri degli uomini non devono essere sempre e comunque esclusi, ma nelle questioni spirituali devono lasciare incessantemente il vantaggio allo spirito, quindi, farsi donare dei doni da Dio mediante il Suo spirito, per poi impiegare mentalmente quei doni. Io vi darò sempre una chiara luce, tuttavia, voi stessi non dovete porvi davanti a un muro attraverso il quale la luce non può più penetrare, poiché siete voi stessi a orientarvi ad erigere un muro, …non appena diventate attivi spiritualmente in una direzione che a voi piace.

Voi uomini desiderate vivere sulla Terra e, per lo più, rinunciate malvolentieri alla vita terrena, e così i vostri pensieri percorrono tali vie; e il vostro sogno, …è una vita multipla, giacché, secondo la Legge divina della natura, non potete prolungarla voi stessi! Sotto questo punto di vista i vostri pensieri cercano dunque le vie per l’adempimento di tale desiderio, e per voi la dottrina della re-incarnazione è la benvenuta, e la valutate come verità, benché contenga solo una parte di verità. La re-incarnazione come la immaginate voi – desiderandola così – sarebbe in un certo qual modo la ripetizione di uno stadio di sviluppo, perché l’uomo che ha fallito sulla Terra oppure non ha raggiunto la piena maturità, …potrebbe molto probabilmente raggiungerla. A voi uomini deve tuttavia essere comprensibile che questo significherebbe solo una continua alternanza del soggiorno per l’anima, la quale così abiterebbe ora nel regno terreno, ora nel regno spirituale, secondo il suo arbitrio, e dall’eternità sarebbe simile ad un arresto nel ciclo, un sostare-sempre-sullo-stesso-gradino, oppure, finché la libera volontà non ne fosse esclusa, potrebbe anche essere uno sprofondare per l’anima, perché ad un uomo sarà sempre data la libera volontà, secondo la quale egli può svilupparsi verso l’alto oppure verso il basso.

Inoltre vi deve essere chiaro, che tutte le costellazioni hanno la stessa destinazione: dare agli esseri delle possibilità di istruzione spirituale! E perciò l’ulteriore sviluppo non dipenderà necessariamente dal ritorno carnale sulla Terra, anzi, questo potrebbe piuttosto mettere a rischio il grado di maturità raggiunto, perché la Terra ospita ancora troppo dello spirituale immaturo, il quale può esercitare una cattiva influenza sulle anime che hanno fallito nella vita terrena, le quali, perciò, ne pretenderebbero un nuovo ritorno.

 Ad un anima che desidera ritornare alla Terra le è certamente concessa la richiesta, perché anche nel regno dell’aldilà la volontà è libera, se dopo ciò è determinante per il suo stato d’animo; eppure voi uomini poi non avrete più il desiderio per la Terra così come ora predomina in voi, non vorrete più vestire il pesante corpo terreno, bensì una volta arrivati nel regno spirituale con troppa poca conoscenza, familiarizzerete solo con la sfera che vi circonda, cosicché ne possiate trarre vantaggio per quanto vi è possibile, e in tal modo raggiungere con sicurezza un grado di maturità molto più elevato, di quanto otterreste tramite un ripetuto percorso terreno1.

Io vi posso dire sempre, solo, la stessa cosa: tramite il vostro ragionamento avete lasciato insinuarsi dell’errore nel patrimonio spirituale che vi è stato offerto da Me come verità, …generalizzando dei singoli casi! Per cui, certamente la dottrina della re-incarnazione non può essere del tutto rifiutata, ma nel modo in cui voi la presentate si è sviluppata in una eresia, che Io correggerò continuamente, affinché non vi perdiate in una supposizione che metta a rischio qui sulla Terra il vostro sviluppo verso l’alto, la quale vi fa diventare tiepidi e trascurati nel lavoro su voi stessi. I casi del ri-trasferimento di un’anima sulla Terra sono così rari e sempre particolarmente motivati, nondimeno è sbagliato voler fare di questi episodi delle dottrine consolidate, i quali confondono solamente il pensiero degli uomini, …e fanno apparire dubbiosa l’unica verità: che voi uomini potete raggiungere inimmaginabilmente molto sulla Terra!

Durante una vita terrena potete raggiungere il grado più eccelso della maturità, la figliolanza di Dio, perché è per questa che Io stesso, come Uomo, Gesù, …sono morto sulla Croce! Ed attraverso la Mia parola vi è sempre annunciata la Mia Volontà, e vi è sempre messo a disposizione, …un incommensurabile tesoro di Grazie! Chi però non bada a tutto questo e non tende alla sua maturazione animica, costui dovrà anche, irrevocabilmente, portarne le conseguenze nel regno spirituale; tuttavia, attraverso il Mio ultragrande Amore e la Mia Misericordia, potrà poi salire ancora in alto, se questa è la sua volontà, perché Io ho davvero molte scuole nel Mio Universo, dove potrete recuperare ancora molto, ma mai più conseguire il grado della figliolanza di Dio, il quale fa di voi i Miei eredi, …ma che solo sulla Terra potete raggiungerlo!    Amen!

 

______________

1ripetuto percorso’ : vedi a tal proposito gli insegnamenti per lo sviluppo di un cammino nell’aldilà che è possibile seguire attraverso altri mistici che hanno ricevuto a tal proposito delle opere specifiche di anime nell’aldilà. [vedi di J. Lorber – “Il vescovo Martino

”, oppure “Dall’inferno al Cielo” / di M. Seltmann – “La patria ritrovata” / di F. Schumi – “Emmanuel Swedemborg nell'aldilà” oppure “Il dr. Martin Lutero nell’aldilà” / di A. Wolf – “La chiamata dall’universo”]

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente