B. D. nr. 5479 a / b

(3. 09. 1952) e (4. 09. 1952)

 

Le opere della Creazione sono pensieri consolidati di Dio

Se lo spirituale allenta la sua resistenza, gli viene data una nuova forma

 

In ogni più piccolo essere vivente, in ogni piantina, in ogni granellino di sabbia Io sono presente, e non vi è nulla che non sia animato da Me, non vi è nulla che non sia compenetrato dalla Mia forza e che non dimostri Me stesso, poiché nulla potrebbe essere senza di Me, nulla potrebbe sussistere, poiché unicamente la Mia forza assicura la sussistenza di ciò che è sorto da Me. La Mia forza e la Mia volontà hanno chiamato in vita ciò che è sorto in Me come pensiero. La Mia volontà ha consolidato tutti i pensieri, ed essi diventarono forma, avendo avuto sussistenza finché la Mia volontà non si ritirerà, e la sostanza spirituale, la Forza da Me, non sarà portata in una nuova forma. La forma in sé può cambiare, ma giammai, nell’eternità, la forza in essa può appena moltiplicarsi e diventare attiva in forme sempre più imponenti.

Tutto è forza da Me, e la forza può essere efficace in differenti gradi, e questo dipende dallo scopo che la Mia sapienza ha riconosciuto come appropriata, poiché nulla di ciò che Io ho fatto sorgere è senza senso e scopo, e dove deve essere ottenuto uno scopo, il Mio amore e la Mia sapienza determinano ogni processo che serva al raggiungimento dello scopo. Io creo e ricreo, sempre in vista di questa meta, poiché dinanzi ai Miei occhi appaiono fulmineamente tutte le fasi, dall’inizio alla fine. E la Mia volontà e il Mio potere eseguono ciò che il Mio amore e la Mia sapienza hanno riconosciuto come opportuno.

Nulla è creato arbitrariamente, qualunque cosa esista nell’Universo; il Mio piano è stabilito nella più profonda Sapienza, e la Mia volontà creativa non diminuisce mai. Sorgeranno continuamente nuove creazioni, perché la Mia incommensurabile forza vuole essere attiva e agirà sempre, soltanto affinché sia raggiunta la meta in senso positivo, giacché la Forza che fuoriesce da Me, …è Amore, qualcosa di indicibilmente beatificante, edificante e promovente, che non potrà mai far sorgere cose che si ripercuotano negativamente, anche se apparentemente è riconosciuto loro un successo negativo, il quale però, visto nella giusta Luce della conoscenza, è e rimane ugualmente positivo.

Infatti, non esiste nulla di cui la Mia forza non sia partecipe! Solo una volontà negativa può usare questa forza in modo errato – che Io permetto – ma anche allora, solo con la sicura meta del futuro ritorno di questo a Me, nella libera volontà, poiché tutto è sorto per cambiare la volontà negativa. Ogni opera della Creazione visibile ha il compito di contribuire a invertire la volontà negativa in una volontà positiva, e per questo compito Io dissolvo anche delle forme materiali, quando hanno eseguito il loro fine, e di nuovo ne formo delle nuove secondo la Mia volontà, che però, tutte, …devono servire lo spirituale nella Mia volontà in modo positivo, per guidare all’ultima meta, a una totale trasformazione della stessa, quello che è di volontà orientata erroneamente.

 

( 4. 09. 1952 )

Tuttavia, delle creazioni possono anche essere dissolte contro la Mia volontà e cioè da quell’uomo che dimorando nell’ultimo stadio di sviluppo, possiede la libera volontà, quindi può agire nella Mia, come anche contro la Mia volontà. Lo spirituale nell’uomo, sotto la cattiva influenza, fa poi questo: si subordina alla volontà della forza avversa, la quale vorrebbe agire nella volontà orientata erroneamente in modo distruttivo, laddove, invece, la Mia forza agisce in modo costruttivo.

Tali creazioni distrutte liberano anzitempo dello spirituale che vi è legato, il quale però, necessita ora nuovamente di nuove forme, al fine di poter procedere nel suo percorso di sviluppo. E ora sarà di nuovo all’opera la Mia volontà per creargli queste forme, direttamente oppure indirettamente, mentre gli uomini che portano in sé la Mia volontà, saranno attivi creando e modellando secondo le loro capacità. La capacità di poter creare e modellare, dimostrerà la Forza primordiale sonnecchiante in loro; dimostrerà l’origine da Me, tuttavia il fine originario delle creature procedute una volta da Me, era un altro, ed esse dovranno adempiere irrevocabilmente questo scopo originario, anche se durerà delle eternità, …finché non avranno raggiunto la meta.

Così, tutto è stato chiamato in vita da Me, ma non tutto se ne rallegra, della vita; esso cerca la morte, ma non può eternamente svanire, può solo sostare in una certa misura in uno stato morto, il quale però, …deve essere mutato in vita. Ciononostante, anche nell’apparente morte, nella materia più solida, ci sono Io, perché essa non vi sarebbe visibile se in essa non vi fosse la Mia forza; invece la sua efficacia è così scarsa, che questa materia non lascia riconoscere nessun cambiamento per lungo tempo. Tuttavia, siccome la Mia forza non è mai del tutto senza efficacia, essa procura comunque un cambiamento, anche se solo in un tempo infinitamente lungo.

Nei casi di allentamento nella resistenza della volontà invertita giudicata, la Mia volontà interviene anche con aumentata forza, cosicché, delle distruzioni ‘volute-da-Dio’ mediante le forze della natura, viene data la libertà allo spirituale in un tempo più breve, il quale poi continua il suo sviluppo in nuove neo formazioni di genere più leggero. La Mia volontà è sempre decisiva, e alla base c’è sempre un certo ordine del sorgere e dello svanire delle Mie opere della Creazione, …e al Mio avversario è tolto ogni potere sugli elementi creati.

All’uomo, invece, …Io ho dato la libera volontà, e questa può essere rivolta tanto al Mio avversario quanto a Me. Perciò il Mio avversario usa la sua influenza sull’uomo cercando di obbligarlo a distruggere ciò su cui egli non ha nessun potere, e vuole distruggerlo affinché lo spirituale che vi matura dentro vada perduto, per chi un giorno lo ha attirato nell’abisso, dal quale Io, però, lo voglio di nuovo elevare, affinché segua il suo scopo originario, affinché lo possa compenetrare un eccesso di forza, e infine, …sia inimmaginabilmente beato!    Amen!

.

*  *  *  *  *

 

Pagina precedente