B. D. nr. 5507

(14. 10. 1952)

 

Ogni giorno è un Dono, per utilizzare il tempo e vivere nella volontà di Dio

 

Ogni giorno è ancora un Dono per voi, che dovreste utilizzare saggiamente, poiché non potrete mai più recuperare ciò che avete mancato di fare sulla Terra, perfino quando nel regno dell’aldilà vi sarà dato ancora uno sviluppo verso l’alto. Però, sulla Terra potete ottenere molto di più, perché vi è a disposizione la vostra forza, che vi mancherà nel regno dello spirito, se avrete fallito sulla Terra. Per la vostra anima è uno stato del tutto diverso quando ha lasciato il corpo, se non può portare con sé la forza spirituale che può certamente acquisire sulla Terra, e che per lei significa un importante ricchezza nel regno dello spirito.

Qui sulla Terra si può rimediare giornalmente e in ogni ora per la propria anima, …e raccogliere dei beni spirituali. Nel regno dello spirito si ha bisogno del sostegno di esseri amorevoli, per procurarsi solo un poco di forza, e l’anima penserà pentita al tempo inutilizzato sulla Terra, solo quando giungerà alla conoscenza di ciò che ha mancato di fare.

Ogni giorno vissuto ancora sulla Terra è un Dono di Dio, dove potete creare liberamente, e conquistarvi molto. Però, utilizzare questo tempo solo nella Volontà di Dio, vi porta una tale ricchezza spirituale, e a questa sarete costantemente esortati, perché ogni giorno che non avete vissuto per l’eternità, è perduto per sempre, se non lo vivete per l’eternità, se l’utilizzate solo per corrispondere alle esigenze mondane, dato che vi siete conquistati solo dei beni terreni, i quali sono effimeri.

Per ciascuno di voi, a breve, verrà la fine! Solo pochi vivranno l’ultima fine, mentre la maggioranza sarà già richiamata già prima che tutto sprofondi nell’abisso, poiché l’ultimo tempo fornirà grandi sfide alla libera volontà dell’uomo, il quale dev’essere attivo per l’anima; invece egli provvede ed esaudisce solo per il corpo! L’ultimo tempo sarà valutato solo da poche persone, come è necessario per poter entrare nell’aldilà pieni di Luce; mentre la maggior parte degli uomini non penserà alla sua anima, non ascolterà gli incitamenti e avvertimenti, che l’Amore e la Misericordia di Dio lascerà ancora giungere loro.

Essi, …non crederanno, e questo, …sarà la loro rovina; e la Misericordia di Dio toglierà dalla Terra, ancora anzitempo, coloro per i quali esiste ancora una possibilità che possano salire in alto nel regno dell’aldilà, anche se sotto condizioni molto più gravose che sulla Terra. Dove però non esiste questa possibilità, gli uomini conserveranno la loro vita terrena fino alla fine, per poi, come falliti, andare incontro a un’orrenda sorte: …essere di nuovo generati nelle creazioni materiali1, …allo scopo del loro sviluppo dall’abisso verso l’alto!

Ogni giorno è ancora un Dono per l’umanità, …che voi dovete utilizzarlo con tutte le forze! Vivete nella Volontà di Dio, e create e agite per la vita dell’anima; infatti, la Terra passa, e con essa, …tutto ciò che in essa vive!    Amen!

 

______________

1essere di nuovo generati’ : è il Giudizio degli empi insieme all’avversario di Dio, la cui anima, cioè l’elemento spirituale originario negativo degli uomini non salvati, sarà di nuovo relegato nella materia. [vedi il fascicolo n. 44 – “La nuova relegazione”]

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente