B. D. nr. 6635 a / b

(3. 09. 1956) e (4. 09. 1956)

 

L’aumentato godimento della vita attira a sé disastri e miserie

La Volontà di Dio concede i disastri, che sono d’origine maligna, per correggere l’umanità

 

L’uomo mondano si accontenta di ciò che soddisfa i suoi sensi corporei e non sente la mancanza di nulla, così, ciò darà adempimento ai suoi sensi, persino quando si crede di straviziare nei piaceri ‘spirituali’, e solo sotto questo, comprende un bene acquisito intellettualmente, quando si occupa di una conoscenza che riguarda ancora, solo delle cose terrene. Così egli si sente bene e non gli manca nulla, perché la sua anima non lo stimola fuori dai suoi desideri, e non può sollecitarlo, dato che il corpo ne ha il predominio.

Questo stato d’appagamento, però, non rimane – o rimane solo molto raramente – fino alla morte, perché un tale uomo per lo più si rovina fisicamente, perché delle malattie o l’età avanzata gli proibiscono quei godimenti terreni o l’adempimento di brame corporee, e ora l’uomo è spesso costretto alla riflessione …

 ( 4. 09. 1956 )

… su se stesso, sulla sua vita e sullo scopo dell’esistenza. E allora l’Amore di Dio gli si avvicina continuamente, e cerca di trattenerlo dal mondo. Egli cerca di trasmettere forza all’anima, che influenzi l’uomo dall’interiore, perché si stacchi dal tendere abituale, …e si liberi dai pensieri mondani! L’anima, però, penetrerà solo quando ha una certa forza, …ma le deve venire dall’esterno mediante un aiuto, il quale può consistere in un buon intrattenimento, in conversazioni spirituali oppure nella trasmissione della Parola divina tramite buoni libri, …o mediante l’amorevole intercessione del prossimo! Da ciò, ora, all’anima giunge forza per agire adesso anche sul corpo, e allora può subentrare un lento cambiamento del pensare, e il resto della vita terrena può ora essere ben utilizzato per la maturazione dell’anima.

Perciò, malattia, disastri e miseria terrena sono inevitabili per gli uomini che si danno troppo intensamente al mondo, e spesso sono anche i migliori e unici mezzi per imparare a riconoscere l’insipidità del mondo. E questi mezzi saranno perciò continuamente applicati, e si applicheranno sempre di più, più l’umanità rivolgerà lo sguardo al mondo. E perciò, l’aumentato godimento della vita, le eccessive gioie terrene e le rappresentazioni che dilettano materialmente i sensi, da parte loro, basate su un eccessivo godimento della vita, saranno sempre accompagnati da fenomeni di genere negativo, da disastri, da malattie e da grandi ed estreme povertà.

Gli uomini devono, per così dire, subire già nel proprio corpo gli orribili effetti provocati dalla brama di godere e dalla sregolatezza, e da ciò devono imparare e riconoscere che cosa è veramente il corpo e che cosa ha registrato per loro finora la vita. Infatti, per tali uomini mondani, altri mezzi sono senza successo! Questi, però, possono ancora raggiungere, …ciò che delle presentazioni e buoni discorsi non hanno potuto ottenere: che si distacchino dal mondo e sfuggano al più grande pericolo di esserne inghiottiti!

Pertanto, nell’ultimo tempo ogni apparente disastro deve anche essere considerato come Volontà o Concessione di Dio, il quale può ancora avere un effetto benevolo, …anche se ha un origine maligna oppure testimonia un agire malevolo! Sempre, a voi uomini può anche apportarvi una riflessione, e avere per conseguenza un allontanamento dal mondo, e allora l’anima di costoro è salvata da una sorte molto peggiore, …dopo la loro chiamata da questo mondo!    Amen!

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente