B. D. nr. 7297

(2. 03. 1959)

 

La Terra resterà, trasformata e abitata da creazioni meravigliose e nuovi esseri viventi

La testimonianza dei salvati

 

La Terra continuerà ad esistere, …poiché Io non ho previsto la sua totale distruzione, tuttavia, tutto ciò che vive su di essa – come anche tutte le creazioni della natura – passerà, affinché possa svolgersi una totale purificazione della Terra, …la quale nel suo attuale stato non serve più allo sviluppo dello spirituale verso l’alto.

Tutte le creazioni, in, su e al di sopra della superficie terrena, perderanno la propria vita, si libereranno dalla forma esterna avvolgente e ora potranno continuare a percorrere il corso di sviluppo che attualmente è in pericolo per tutto l’essenziale, poiché il Mio avversario infuria in ogni modo, e cerca continuamente di interrompere o di impedire quella via di sviluppo.

La Terra, però, adempirà il suo compito per tempi ancora infinitamente lunghi, poiché su di essa gli esseri ancora immaturi dovranno maturare per la ‘figliolanza di Dio’, e perciò la Terra sorgerà nuova, dopo che avrà avuto luogo una radicale purificazione, dopo che tutto lo spirituale sarà orientato al bene, cioè, sarà incorporato nella forma esterna ad esso confacente, dalla solida materia fino all’uomo, al quale saranno anche offerte di nuovo delle possibilità più facili di maturare, per poter raggiungere la meta di diventare veri figli di Dio.

La distruzione finale sarà quindi pari alla fine della vecchia Terra, anche se il pianeta come tale rimarrà esistente, e avverrà solo un totale cambiamento del suo involucro esteriore, perciò la fine potrà e dovrà anche essere indicata con ragione, il che non significa solo la fine di ogni civilizzazione, bensì la fine di ogni essere per ogni opera di creazione su questa Terra.

E comincerà una nuova epoca, poiché l’intera superficie della Terra sarà da Me ricoperta di vita, con creazioni di tipo meraviglioso di cui l’occhio umano potrà di nuovo deliziarsi, giacché Io darò a tutte le nuove creazioni le più stupende forme, e aggiungerò agli uomini una varietà di esseri viventi che abiteranno di nuovo su questa nuova Terra, e che Io stesso porterò su di essa con Amore, Sapienza e Potenza. Infatti, Io Mi modellerò la stirpe di una nuova razza umana, da quelli che prima ho potuto rimuovere dalla vecchia Terra, che Mi rimasero fedeli fino alla fine, e che pertanto, per questo, Io eleggerò per la nuova generazione, dalla quale far sorgere nuovamente degli uomini che vivano nella Mia Volontà, e tra i quali Io stesso possa dimorare, …grazie alla loro fede e al loro amore.

E sarà uno stato paradisiaco, perché tutte le nuove creazioni renderanno felici gli uomini in una misura mai conosciuta! In Verità, gli uomini abiteranno in un paradiso, una Terra che non potrà più essere paragonata con la vecchia Terra, perché sarà abitata soltanto da uomini maturi che possano anche ricevere una misura di beatitudine mai conosciuta prima sulla Terra, quando l’umanità apparteneva già a Satana, per cui dovette essere eseguita una purificazione della vecchia Terra, di sé.

E questo tempo sta davanti a voi, e ognuno di voi potrebbe ancora trasformare se stesso e il suo essere, …in modo che possa toccargli la grande fortuna della rimozione1. Però, la ferma fede in questa, solo raramente un uomo può averla, e inoltre, …solo pochi uomini saranno così colmi d’amore, da appartenere al piccolo gregge che Io richiamerò all’improvviso e inaspettatamente. Prima, però, irromperà sulla Terra ancora un tempo di miseria2, il quale poi, dovrebbe indicarvi come un sicuro segno, che il giorno non è più lontano.

Quando potrete seguire l’agire del Mio avversario del tutto palesemente, quando voi stessi sarete esposti al cattivo agire dei suoi vassalli, quando la miseria aumenterà e non vi apparirà più nessuna via d’uscita, allora anche tale fine sarà vicina, allora tramite il Mio potere Io distruggerò tutto l’arci cattivo, …e salverò i Miei dalla sicura rovina. E i rapiti1 da Me, vedranno la rovina della vecchia Terra, …benché essi stessi non potranno più esserne colpiti. Un giorno, eppure, dovranno testimoniare di questo, del Giudizio di un Dio Giusto, dovranno poter guardare l’atto di distruzione e, tuttavia, lodare e glorificare Colui che li ha salvati da questo Giudizio.

E di nuovo, Io eseguirò un Atto di creazione, poiché solo la Mia volontà farà di nuovo sorgere una nuova Terra, una dimora per il Mio piccolo gregge, per i Miei eletti, che ora, in pace e nella libertà, nella felicità e nella beatitudine, nella Luce e nella Forza, potranno condurre la nuova vita nel paradiso, dove non esisterà nessuna sofferenza né dolore, perché l’autore di tutto il male sarà legato e, per lungo tempo, …non potrà più incalzare gli uomini, poiché si è adempiuto un periodo della Terra e ne comincerà uno nuovo, il quale dovrà condurre di nuovo in alto dell’innumerevole spirituale ancora legato, per ascendere un giorno alla definitiva meta: all’unificazione con Me, come figlio Mio!

E voi starete davanti a questo, poiché il tempo che un giorno vi è stato posto per la definitiva liberazione dalla forma, …è compiuto!    Amen!

 

______________

1della rimozione’ – ‘i rapiti’ : è l’atto finale di salvataggio dei fedeli a Dio, prima del giudizio finale, attraverso cui, in modo contrario alle leggi della natura, i credenti saranno sollevati dal suolo terrestre per volontà di Dio e portati in un luogo, fino a quando sarà completato il rinnovamento della Terra. [vedi il fascicolo n. 42 – “La rimozione”]

2un tempo di miseria’ : è la fase finale del tempo che va dall’evento apocalittico alla fine vera e propria, indicato in Apocalisse 8,1 come quello seguente l’apertura del settimo sigillo, indicato come ‘il tempo della fine’, oppure come ‘tempo della miseria’, ma anche ‘tempo di Grazia’, cioè quello seguente l’evento apocalittico, che avrà breve durata, ma che sarà oggetto della lotta di fede più cruenta, affinché i fedeli si difendano dai non credenti e testimonino loro la fede. [vedi il fascicolo n. 38 – “La lotta di fede”]

 

                                                                                       *  *  *  *  *

Pagina precedente