Nel Tuo Nome

 

Nel Tuo Nome, o Signore, tutto fu pensato

dal nulla ebbe inizio l’immenso voluto Creato.

   Vi si rispecchiava l’Amore, la Luce e la Possanza

   per orientare bene la Volontà filiale con pazienza.

Ma uno volle ergersi sugli altri suoi fratelli

dichiarando guerra e falsità, a tutti quelli

   la cui vita era stata data potente a ciascuno

   ma la cui unica forza veniva solo da quell’Uno.

Poi, una lacrima sgorgò dal più fedele dei primi tre,

disse: “Salviamolo da morte certa, e gli altri con sé!”

   Così esso fu smembrato, e nella materia incarcerato

   e insieme a lui, tutti i caduti che lo avevano seguito

per ritornare un giorno, pentiti, umiliati e rinnovati

dopo il giusto rimediare, servendo i più disgraziati.

   Ora il tempo stabilito non è ancora passato,

   è prevista una pausa, al mondo oscuro incatenato,

ma se il richiamo non vorranno mai più ascoltare

pure la materia, per millenni dovranno ben asservire,

   e se il tuo Nome non sarà dal cuore ben pronunciato

   siano disfatti, e lui, di nuovo, nella Terra relegato!

 

                                         G.V.

 

Pagina precedente