B. D. nr. 1890

(17. 04. 1941)

 

L’appiattimento spirituale è dovuto all’inclinazione verso i beni terreni

La Parola deve essere annunciata dappertutto

 

[segue dal n. 1889]

 

Il segno più infallibile di un appiattimento spirituale è l’inclinazione e il desiderio per i beni di questo mondo. – Quando gli esseri umani hanno solo quest’aspirazione, la Sapienza spirituale non può neppure essere diffusa fra loro, poiché questa non ha niente a che fare con i successi terreni, e di conseguenza non è nemmeno desiderabile. Neppure potrà mai essere accettato che il tendere spirituale possa essere impoverito in modo terreno. Solo dove ogni desiderio per la materia è represso, l’aspirazione spirituale può essere coronata da successo, ossia anche l’operare dello spirito nell’uomo, diventa visibile.

Se invece l’umanità ha in mente solo di aumentare il benessere terreno, si vieta da se stessa l’agire dello spirito in sé, e la conseguenza di ciò è l’oscurità spirituale, spesso a tal punto, che l’agire dello spirito, piuttosto che una manifestazione di Forza divina, è considerato come macchinazione umana, e pertanto non gli è prestata molta attenzione né fede.

Ci sono solo pochissimi figli di Dio coraggiosi, i quali nondimeno esprimono ciò di cui si rendono conto attraverso l’esperienza spirituale, e questi pochi parleranno con espressioni angeliche, anche se il potere terreno li chiamerà a rendere conto delle loro opinioni. Non ci sarà nemmeno da aspettarsi nient’altro, in quel tempo in cui gli uomini saranno quasi vicini al naufragio1, e così i credenti da soli non potranno intraprendere nulla nei loro confronti, restando proprio scoraggiati, finché il Signore stesso, all’improvviso, si manifesterà, e questo in modo evidente2.

L’appiattimento spirituale degli uomini è riconoscibile nell’ignoranza, la quale è espressa da ogni loro parola, pur se essi prendono parte a una conversazione che spazi attraverso lo spirituale. A loro, su ciò, manca qualsiasi concetto, e non riflettono nemmeno a lungo su quello che hanno udito, bensì considerano il tempo impiegato per questo, solo come uno spreco. Di conseguenza non sperimenteranno mai nessun progresso, laddove manca loro qualsiasi conoscenza, e non accetteranno alcun insegnamento nella loro caparbietà.

Ci sono solo poche eccezioni in grado di riconoscere ugualmente la verità, quando è offerta loro, e certamente, vicino a queste persone il desiderio per il bene terreno non dominerà tanto il loro pensiero, benché lo considerino ancora come il più importante nella vita terrena. Questi sono quegli uomini ai quali non sono più sufficienti le proprietà terrene, per quanto grandi siano, e di conseguenza si occupano per proprio impulso con pensieri che si ergono verso il regno dell’aldilà. Dunque, se viene loro sottoposta della verità spirituale, allora le forze buone dell’aldilà aiutano tramite un influenza mentale, e così guidano l’essere umano verso la conoscenza.

La Parola di Dio dev’essere annunciata dappertutto, anche se la resistenza è molto grande e apparentemente non si riesce a ottenere alcun progresso. Dove è offerta la Parola divina, l’uomo con buona volontà può anche riconoscerla come tale, perché essa stessa gli parla. Là, il basso stato spirituale non è nemmeno così grave, cioè del tutto senza speranza, poiché questi uomini sono volenterosi e disponibili, …per un’istruzione proveniente dall’alto.    Amen!

 

______________

1 – ‘quasi vicini al naufragio’ : nel tempo della fine, poco prima del Giudizio finale, si manifesterà un evento della natura di proporzioni mondiali inimmaginabili, che coinvolgerà ogni popolo, con terremoti, sibili e tempeste, e fuoco che si sprigionerà dall’interno della Terra. Poi, un ulteriore breve tempo, con la lotta di fede. [vedi il fascicolo n. 109 – “L’avvenimento”]

2 – ‘in modo evidente’ : trattasi dell’ultimo atto prima della fine, in cui i fedeli a Dio che resteranno vivi fino all’ultimo, vedranno il Signore venire sulle bubi del cielo e, tramite un atto al di fuori delle leggi della natura, saranno rapiti verso l’alto. [vedi il fascicolo n. 42 - “La rimozione”]

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente