B. D. nr. 4355 a/b

(26. 06. 1948) e (27. 06. 1948)

 

La rotazione della Terra varierà

Leggi cosmiche diverse da quelle terrestri che i ricercatori capirebbero, se avessero fede

 

[Proseguimento del n. 4348]

 

Spiegatevi il procedimento così: più velocemente si muove la Terra, più breve è lo spazio di tempo che le serve per una rotazione, e più forte diventa la pressione dell’aria che scaturisce dal suo movimento! Normalmente questa pressione d’aria dovrebbe essere sentita alla superficie della Terra, che però non è il caso. Quindi, qui ha luogo già una deviazione dalle leggi della natura, che scientificamente non è spiegabile, e da cui risulta già che le leggi della natura che valgono per la Terra, al di fuori di questa perdono la loro validità.

Ciò nonostante, questa veloce rotazione influisce sulla superficie della Terra nella misura in cui si crea una crosta, che è il suolo adeguato per il nutrimento della vegetazione, così che una perpetua animazione della superficie terrestre è possibile solo attraverso una perpetua rotazione, mediante la produzione di una forza che agisce sul suolo, quindi non si diffonde e non irradia all’esterno, bensì agisce dall’esterno verso l’interno della Terra. Questa forza è destante la sua vita, ma l’intelletto umano non può spiegarselo, proprio perché si sviluppa al di fuori della legge ed ha anche un effetto al di fuori dalla legge.

Se la Terra sospendesse la sua velocità, allora tutta la vita su di essa si irrigidirebbe! D’altra parte, però, una maggiore velocità favorirebbe un’anomala crescita, ma agirebbe anche più profondamente all’interno della Terra, e qui si creerebbero delle eruzioni che danneggerebbero il nucleo della Terra e metterebbero a rischio la sua sussistenza. Ora una tale velocità aumentata è oramai da registrare, e presto si farà anche sentire nelle sue ripercussioni.

Dunque, se l’ultimo influsso deve essere impedito, …così la forza superflua dovrà trovare un campo d’attività, dovrà diventare esplosiva in certi punti, cosa che avverrà dunque, nella forma di una catastrofe della natura1. In tal modo la velocità di rotazione diminuirà alquanto, la forza di nuovo generata troverà ora un nuovo suolo nutritivo, il quale potrà vivificare piante e animali, e in breve tempo la sussistenza della Terra sarà di nuovo assicurata, finché poi, tramite la volontà umana, verranno portate di nuovo alla dissoluzione delle forze, che dagli uomini non sono ancora del tutto esplorate, e avranno un effetto del tutto-distruggente, perché in un certo senso sono da considerare come forze contrarie, cioè agiranno dall’interno verso l’esterno, e l’agire contrario delle due forze significa totale distruzione, cosa che certamente può essere spiegata agli uomini, …ma non può essere compresa da loro.

(27. 06. 1948)

Degli scienziati progrediti spiritualmente potranno spiegarsi facilmente questo processo, poiché si troveranno di fronte all’illegale agire di forze della natura, non più così increduli, perché per loro la sfera al di fuori della Terra è un campo che non può essere sondato con il pensare intellettuale materiale, perché sulla Terra valgono altre leggi della natura che la dominano.

Ciascuna stella è un mondo a sé, e in ogni stella la Volontà d’Amore di Dio si è espressa diversamente, perché da Lui, innumerevoli Pensieri giungono all’esecuzione mediante la Sua potenza e la Sua forza, e ogni singolo Pensiero testimonia della più profonda Sapienza. Secondo una misura umana, una così molteplice differenza delle creazioni di Dio non può esistere, dato che la facoltà d’immaginazione è limitata, ma per Dio non vi è nessuna limitazione del Suo pensare, e nessun impedimento alla Sua forza creativa.

Che ora l’uomo, l’abitante di una delle innumerevoli creazioni di Dio, possa esplorare perfettamente il Suo operare e agire in modo razionale, è del tutto escluso, poiché egli, allontanandolo immediatamente, rifiuta qualcosa all’apparenza impossibile, cosa che però è possibile a Dio! Così anche la Terra nei suoi movimenti, nel suo corso, nella sua composizione, può essere calcolata ed esplorata nel lungo-tempo, ma sempre fino al punto in cui valgono delle leggi della natura per la Terra che sono note all’uomo. Oltre questo, il suo sapere e intelletto glielo negano.

Tuttavia, esiste un oltre’ a questo, altrimenti la scienza terrena dovrebbe poter stabilire precisamente, quando e in quale forma, e per quale ragione avverrà la distruzione finale della Terra. Per questa constatazione essi sono incapaci! – Allo stesso modo, però, non è data dimostrazione che la distruzione della Terra non si svolga! Qui, …è posta la fede contro la scienza! Chi valuta di più la scienza, …nega ciò che la fede afferma!

Dio annuncia la fine di questo periodo terreno. Egli annuncia un completo cambiamento della superficie della Terra con lo svanire completo della vita, su’, …‘in’ e ‘al di sopra’ di questa. Tale processo, …è del tutto ignoto alla scienza, quindi un segno, invece, che avviene un agire di Dio fuori dalla legge; certamente, non fuori dalla legge per Lui, tuttavia per gli uomini, ai quali tutte le leggi della natura, tutte le forze che possano indicare e calcolare un tale avvenimento1, non sono conosciute, ma le ricerche devono essere condotte sul fondamento della fede, se si vuol produrre risultati conformi alla verità.

Soltanto allora ai ricercatori sarebbe accessibile anche questo campo, che altrimenti resterà chiuso agli uomini; allora starebbero a disposizione dei collaboratori spirituali2 i quali chiarirebbero loro tutto; allora potrebbero anche dare uno sguardo nel Piano di salvezza di Dio, e molto sarebbe loro comprensibile e accettabile, …cosa che altrimenti il loro intelletto rigetterà. –  Amen!

 

____________

1 una catastrofe della natura’ – ‘un tale avvenimento’ :  così viene indicato un evento della natura di proporzioni mondiali scatenato dagli uomini, in concomitanza con la caduta di un asteroide e perciò con un  terremoto iniziale più altri seguenti e la natura sconvolta, con venti fortissimi e tempeste, e fuoco che si sprigionerà dall’interno della Terra, il quale metterà fine alle lotte dei popoli [vedi il fascicolo n. 109 – “L’avvenimento”].

2dei collaboratori spirituali’ : il concetto può essere compreso con un interessante annotazione, per indicare ai lettori a titolo di esempio, la vita di Santa Ildegarda (1098-1179), mistica medievale, la quale ricevette da aiutanti spirituali, moltissime spiegazioni sull’uso di piante medicinali, restando sempre in una cella di clausura per la maggior parte della sua vita. [rif. “L’erborista di Dio” libro a cura di Ellen Breindl]

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente