B. D. nr. 8884

(20.11.1964)

( III )

Quale origine ha avuto il male?

L’avversario sfrutta ogni occasione per insinuarsi

 

(prosegue dal n. 8883)

 

(…) e un giorno ciascuno lo conseguirà, ed Esso apparterrà anche agli esseri più beati; infatti, ogni essere che Gli si apre, bramerà il Mio Amore, raggiungendo persino la meta di diventare figlio Mio, e mai più andrà via da Me, poiché ora si è unito stretto a Me e, di nuovo, …è perfetto come lo era sin dal principio!

Io non posso tollerare alcun errore, ma, sempre, Mi si deve fornire un vaso adatto che sia a Mia disposizione, attraverso cui Io possa guidare la pura verità alla Terra! Infatti, anch’Io sono legato da Leggi, poiché il Mio avversario rivendica lo stesso diritto a coinvolgere voi uomini nell’errore, e nonostante Io abbia il Potere su di lui, tuttavia, così, …non glielo rivolgo contro!

Io abbandono la stessa umanità a lui, tanto quanto questa si adatta di fronte all’errore, e tuttavia la incoraggerò sempre a occuparsi dell’errore, perché essa esamini bene ogni pensiero, rifletta su tutto, ma non accetti ciecamente tutto ciò che le è presentato come ‘Verità da Me’, poiché il Mio avversario si propone sempre, dove gliene è offerta …solo l’occasione!

Non sono Io a guidarvi …al pensiero sbagliato! Io donerò la verità a ognuno che la desideri seriamente, ma non posso impedirlo, quando voi date ascolto ai suoi ’suggerimenti’ bisbigliati. E così Io non posso nemmeno opporMi a lui, …per impedire una rappresentazione completamente sbagliata sul Mio reale Essere! Voi1 accettaste anche questo, perché già spesso voi stessi poneste questa domanda e, vi rispondeste col vostro stesso pensiero. E poiché era il Mio avversario a guidare il vostro pensiero nell’errore, proprio a questa importante domanda: “da dove è uscito il male”, vi è stato risposto così …come voi stessi volevate, comunque, molto differentemente dalla verità.

Io dovevo ancor prima, riempire un vaso, e spiegarvi dettagliatamente tutti i procedimenti della Creazione. Dovevo cercare di motivarvi che Io voglio essere riconosciuto come il sommo Perfetto. Dovevo dimostrarvi, che Io stesso vi parlo per correggere anche questo errore, il quale fornisce …una falsa Immagine di Me, un’Immagine della Mia Essenza umanamente limitata, con debolezze e …mancanze umane, quindi, imperfetta!

Nondimeno, ora questa correzione l’accetterà nuovamente, solo quell’uomo la cui volontà, …desidera seriamente la verità! Ma soprattutto, un altro errore sarà da considerare come escluso, perché il Mio servo2 Mi era completamente devoto! E tuttavia l’avversario (quindi solo in questo caso) ebbe gioco facile, influenzando l’intelletto che, ancor prima, si era già dato la spiegazione, e non fu seriamente interessato alla Mia risposta a questa domanda che era stata particolarmente importante, e (quindi) deformando il concetto dell’essenza della Divinità in modo tale, …che poi fu difficile credere alla Mia perfezione!

Ed è ugualmente rimesso a ogni singolo uomo, …di farsi un’Immagine di Me secondo la sua volontà! Però, si deve renderlo attento a un errore che lo condurrebbe a un pensiero completamente falso: egli non potrà richiedere nessuna dimostrazione a riguardo, ma lo crederà, quando sarà sottomesso fedelmente a Me, così che, dopo, …egli tenda sempre e soltanto alla verità!    Amen!

 

______________

1 - “Voi”: ci si riferisce agli amici di Lorber che lo istigarono all’errore, quali rappresentanti di tutti i successivi ‘lorberiani’; uomini che ancora oggi hanno accettato ‘tutti’ gli insegnamenti comunicati a Lorber, anche quelli errati sull’origine del male.

2 - “il Mio servo”: si riferisce a Jakob lorber

 

*  *  *  *  *

Pagina precedente